Archive for ICavalieriDelloZodiaco.net Il forum dedicato al mondo leggendario de I Cavalieri dello Zodiaco e a tutti gli spin-off del marchio Saint Seiya
 


       ICavalieriDelloZodiaco.net Forum Index -> Giochi & Tornei
saga rules!!!

Gemini in Tabula XXI - GOLDEN EDITION

bene ragazzi, i ruoli sono stati inviati, ecco qui la lista dei partecipante e la spiegazione dei ruoli

Saintsaga
Canadian
Phoenix
Antares
Shura
Aiolos
Aldebaran
Yati
Doa
Ale
Libra
Last
Flare
Lampo
Sion
Marion
Asher
Violet


1)SAGA: gran sacerdote, usurpatore del regno di Grecia e primo gemini. Ogni notte uccide insieme ai suoi subalterni. È immortale ed invincibile finchè Deathmask e Aphrodite sono in vita. Ogni notte cerca di schiavizzare Shura col genromaoken.


2)APHRODITE: secondo gemini. Conosce la vera identità del gran sacerdote, è suo complice ed uccide con lui. Ogni notte grazie al potere delle sue rose può confondere un giocatore ed impedirgli di usare il proprio potere.


3)DEATHMASK: terzo gemini. Malvagio e spietato è il braccio destro di Saga ed uccide con lui. Per 3 volte nel gioco può torturare uno dei giocatori ed estorcergli un indizio sulla sua identità. Se condannato al rogo si porta qualcuno appresso nella bocca di ade.


4)SHURA: inizia parteggiando per i buoni, è però debole di fronte al genromaoken e se colpito viene sottomesso da Saga fino alla fine della partita. Se viene usato per uccidere qualcuno però torna in sé ricordando l'identità di Saga.


5)DOHKO: conscio di una situazione anomala torna al grande tempio per scongiurare la minaccia di Saga. Grazie alla sua saggezza può scrutare nel cuore degli uomini e comprendere la loro identità (virgo). Non può indagare su kanon.


6)MU: avvertito da Dohko è uno dei saint più vigili all'interno del santuario ed ogni notte cerca di proteggere qualcuno dagli attacchi degli assassini.


7)ALDEBARAN: amico di Mu ne conosce l'identità ed è stato messo sul chi vive proprio dal custode della prima casa. Per 2 volte nel gioco può pararsi di fronte ad una possibile vittima, se questa viene attaccata riuscirà a salvarla. Se la prima volta ha successo perde subito il suo potere.

8)GEMINI: è il fantasma di Saga, parteggia per i gemini ma non sa chi sono. Per 3 volte nella partita può irretire un giocatore col suo labirinto e la dimensione oscura, deve indicare se per la notte o il giorno, se crede possa crear danno ai gemini. Il giocatore in questione perderà i poteri per quel turno, e se bloccato di giorno anche la facoltà di votare e parlare.

9)AIOLIA: è il guaritore del gioco. Può curare 3 feriti (1 definitivamente e 2 per un solo turno a sua discrezione), però al suo secondo tentativo si svela agli altri.

10)SHAKA: guardiano dei sei mondi di ade è in grado di scrutare negli abissi dell'inferno e comprendere l'identità dei giocatori morti. Non si rende però conto del tradimento dei sacerdote e confida a lui, ovviamente tramite master ^^, le proprie scoperte. Gioca e vince comunque con i buoni.

11)MILO: fiero e combattivo lo scorpione nutre qualche sospetto sul pontefice. Ogni notte può decidere di torturare un giocatore col suo scarlet needle per la notte o per il giorno. Se tortura la notte impedisce al condannato di agire e fare la sua mossa, se invece tortura di giorno scopre un indizio sull'identità della sua vittima.


12)AIOLOS: dal paradiso dei cavalieri è il primo a rendersi conto del pericolo rappresentato da kanon ed ogni notte indaga sulla sua identità. Mi dovrà anche indicare un giocatore al quale affidare la verità da lui scoperta, perchè lui non la conoscerà. Se Gigars è ancora vivo la percezione di Aiolos sarà alterata e scoprirà lui al posto di kanon. Ovviamente essendo già morto non può essere né ucciso né mandato al rogo. Per 2 volte nella partita può inviare la sua armatura per proteggere chi ritiene in pericolo.

13)CAMUS: per 2 notti può congelare un giocatore che ovviamente non potrà agire. Può anche decidere di bloccare qualcuno per il giorno ed impedirgli di votare e postare.

14)KANON: adirato per la prigionia in cui era stato costretto dal fratello ferisce ogni notte un giocatore e complotta contro Saga e tutto il santuario.

15)GIGARS: primo ministro caduto in disgrazia viene plagiato da kanon e lo aiuta nei suoi intenti e si sacrifica per lui se questo viene colpito dai gemini o se mandato al rogo. Se vivo quando Aiolos indaga su Kanon protegge l'identità del suo padrone.

16)ATENA: è immortale e può essere uccisa solo dopo le morti di Dokho e Mu. Decide i ballottaggi in parità e per 2 volte in tutta la partita può salvare il condannato dal rogo compresa sé stessa. Se muore tutti i buoni si riuniranno a lutto per un turno e non potranno usare i loro poteri (sia il giorno che la notte). Atena avrà anche la facoltà di richiamare in vita per un turno i guerrieri caduti in difesa del santuario: il redivivo giocherà dal giorno e ripiomberà tra i caduti dopo aver espletato la sua mossa, se ne possiede la facoltà, durante la notte successiva. Il resuscitato avrà potere di voto ma non conterà nel computo finale per il rapporto forze del bene/forze del male. Se il concilio dei caduti però prenderà una decisione unanime sarà costretta a resuscitare secondo le direttive dello stesso.

17)SION: resuscitato da Hades il vecchio sacerdote si aggira come un'ombra tra le 12 case dello zodiaco. Uccide ogni notte, ma non parteggia per nessuno e vince se ancora in vita alla fine del gioco. Se però colpisce Dokho i due iniziano una guerra dei 1000 giorni e perdono entrambi i propri poteri.

18)KIKI: il piccolo apprendista di mu è il solito casinista. Se è ancora in vita il santuario saprà se le ricerchè di Dohko avranno ottenuto successo o meno.

REGOLE EXTRA (riprese dall'ultimo GiT ^^)
Ogni notte, dalla seconda in avanti, i defunti si riuniscono in Concilio. Senza mai rivelarsi, neanche in maniera implicita, cercano di convincere Atena a riportarli in vita per un turno, e gli altri defunti a votarli. Come detto sopra, se qualcuno viene votato all'unanimità, Atena è obbligata a riportarlo in vita per un turno.

In caso di plebiscito nella votazione per il rogo (ovvero se tutti tranne il diretto interessato votano per la stessa persona), si scavalca la fase di difesa e lo si manda espressamente al patibolo.


Chi rivela la sua identità, in maniera esplicita o implicita, e chi scompare di colpo viene ferito o privato dei suoi poteri al primo giro, ucciso alla seconda. Vale però ragionare sui ruoli altrui.



a breve arriverà anche il prologo.


PROLOGO

Il sole cocente colpiva impietoso la scalinata antistante la prima casa dello zodiaco, il palazzo del montone bianco. Il dorato custode, avvolto nel suo bianco mantello, silenzioso osservava lo scorrere delle nuvole rimpiangendo non poco la frizzante arietta che era solita sferzargli il volto nella regione del Jamir dove usualmente risiedeva. A distoglierlo dai suoi pensieri fu una voce che ben conosceva “Grande Mu, qualcuno procede lungo la scalinata del Grande Tempio.”, disse il pestifero Kiki. “Un oscuro manto di tenebra deve essere calato sul Santuario se egli ha deciso di tornarvi in un momento come questo.” fu il commento del cavaliere d'Ariete all'appropinquarsi dell'inatteso ospite.
Alla luce del giorno ateniese una piccola figura comparve arrancando sui bianchi gradini del sacro tempio di Atena. Rivolgendo un benevolo saluto al custode della prima casa, come in risposta al suo sguardo interrogativo, gli disse “Dopo 242 anni ritorno in questo luogo affinché le tenebre non lo insozzino con il loro nero potere.”. Soppesando le parole del suo interlocutore il Grande Mu annuì con tono rispettoso “Allora il mio non era solo un brutto presentimento. Se anche voi – continuò il cavaliere d'oro – venerabile maestro, siete giunto qui quanto presagivo non era unicamente frutto della mia mente.”. Il diniego di Dohko appesantì ulteriormente il cuore del santo dell'Ariete: “Come spesso accade nel corso dei secoli per la brama di gloria e potere, di nuovo sarà versato inutile sangue.”. Lasciato questo oscuro monito l'ormai unico sopravvissuto alla precedente Guerra Santa si congedò e proseguì il suo cammino intenzionato a tornare a presiedere la sua antica dimora: il settimo tempio dello zodiaco.

“E così anche l'anziano Dohko è tornato?”. “Sì mio signore, il venerabile cavaliere della Bilancia presiede di nuovo il tempio che a lui fu affidato dalla dea 242 anni or sono.” si affrettò a rispondere Deathmask, santo d'oro del segno del Cancro. “La resa dei conti è finalmente giunta!” sogghignò soddisfatto il Grande Sacerdote da sotto la maschera che ben celava la sua vera identità. “Il momento che tanto ho atteso è arrivato. Con tutti i cavalieri d'oro ivi raccolti è ora che il mio piano di dominio, che da ben dodici anni tesso dall'alto del mio scranno, veda compiersi il suo fatale, glorioso atto finale: la caduta degli ultimi difensori di Atena.”. Mentre un ghigno sadico e folle increspava il volto del custode della quarta casa, una sommessa risata rieccheggiò cristallina da dietro una delle colonne del tredicesimo ed ultimo tempio: “sia fatta la volontà del sommo Pontefice.” sentenziò Aphrodite dei Pesci.

Non molto lontano dal tempio un solitaria figura colma di rabbia e rancore arrancava lungo la strada che portava al santuario di Atena. “Fratello mio, che tu sia maledetto! Come hai osato rinchiudermi in quella prigione? È giunto il momento che tu paghi per la tua insolenza, presto ti ucciderò ed il Grande Tempio sarà ai miei piedi!”. Perso nei propri deliri egli non si avvide di un uomo che lento procedeva nella direzione contraria alla sua, ma quando questi si accorse della figura solitaria la osservò corrucciato e, dopo qualche secondo, un lampo di comprensione attraversò i suoi occhi. Lampo che però non passò inosservato, e prima ancora che questi potesse reagire un colpo rapido e preciso gli offuscò la mente “la tua volontà è ormai sotto il mio controllo Gigars, Primo Ministro di Atene. D'ora in avanti aiuterai Kanon di Gemini nell'adempiere i suoi propositi di vendetta!”.


NOTTE ZERO


Un'immensa palla infuocata, una rossa arancia che di vermiglio tutto tinge e poi rapida scompare per lasciare il posto all'oscurità e alle stelle del firmamento. Questo era il sole come appariva dalla tredicesima casa in quel dì fatidico, mentre si avvicinava l'inizio della fine. Dalla balconata del palazzo del sommo Sacerdote di Atena, Saga ammirava rapito la bellezza di quel panorama naturale. Con un ghigno sul volto la sua mente fu rapita da una dolce visione: presto, molto presto, le sorti di della dea e dei suoi cavalieri più fedeli avrebbero conosciuto lo stesso fato del disco solare, e le forze del bene si sarebbero eclissate per sempre. Le forze oscure di cui lui, Saga, era indiscusso tiranno avrebbero ben presto dominato il Santuario ed una notte eterna e senza stelle avrebbe ammantato il mondo intero. Solo pochi uomini ancora si ergevano a baluardo di Atena, uomini che presto sarebbero caduti per mano sua e dei suoi fedeli alleati.



La frizzante aria che la notte aveva portato sul Santuario era una benedizione per i guerrieri di ronda: dopo la calura diurna girovagare per il Grande Tempio in quei momenti era quasi rinvigorente. Ma presto una notte da sogno si sarebbe trasformata in incubo per quei cavalieri d'argento che tutto si aspettavano fuorché di essere attaccati dall'interno.
Fu un combattimento, anzi un massacro, tanto rapido quanto impari. Veloce, sbucando da dietro una colonna, una figura calò sui malcapitati e li falciò tutti in un colpo solo, senza dar loro il tempo di rendersi nemmeno conto dell'accaduto. Soddisfatto del proprio operato l'omicida troneggiò ghignante sulle proprie vittime, alcune delle quali ancora agonizzanti, e con un cenno rapido del capo si rivolse ad una figura che in disparte lo accompagnava. Questi annuendo calò dall'alto il colpo di grazia agli sconfitti e si rivolse al suo padrone: “Il vostro biglietto da visita ai cani da guardia della dea.”. Annuendo soddisfatto la prima figura si voltò su sé stesso e prese a salire con passo sicuro le scale del Tempio senza degnare di uno sguardo le vittime appena cadute. Presto le due sagome scomparvero nella notte, mentre una pozza di sangue allagava sinistra lo spiazzale antistante il palazzo del montone bianco.



L'odore acre della linfa vitale, un fresco vento che gli accarezzava i capelli, la terra umida che gli sporcava le dita. Sion si riebbe così dal sonno eterno. Svegliatosi come d'incanto non capì la ragione per la quale era tornato a calpestare il suolo mortale. Aprendo gli occhi ed alzando il capo non ebbe però il tempo di comprendere ulteriormente: una nera, imponente ed inquietante figura lo soverchiava e la sua volontà ne fu presto schiacciata. Dopo pochi secondi un solo pensiero albergava nella sua mente: uccidere i cavalieri di Atena, uccidere la dea stessa.


PRIMO GIORNO


Assassini nel Grande Tempio. Il grande Mu non riusciva a crederci, e proprio il giorno stesso in cui il vecchio maestro era tornato a presiedere la sua casa. La situazione era assai più grave di quanto credeva.
Il giorno volgeva al desio quando entrò nel tredicesimo palazzo ove tutti i cavalieri d'oro erano già riuniti: la situazione era tesa, le opinioni contrastanti e le accuse reciproche gravi. Alla fine, dopo aver discusso per un'altra mezz'ora circa Doa of Alrisha si fece avanti e pronunciò ad alta voce il suo voto, quello decisivo, che decretò la condanna di Shura di Capricorn. Rassegnato a passare la notte nelle carceri del Santuario egli si alzò in piedi con dignità e seguì, un po' titubante, i guerrieri d'argento che lo avrebbero scortato presso la sua cella.

Dopo aver sciolto la riunione il Grande Sacerdote si lasciò scivolare sul suo scranno, soddisfatto di come il tutto si fosse svolto secondo i suoi piani: il dado ormai era tratto, presto gli abitanti del Santuario avrebbero capito che l'aggressione di quella notte era soltanto il suo biglietto da visita.


PRIMA NOTTE

Alte nel cielo di Atene, le stelle illuminavano il Grande Tempio. La giornata era stata estenuante per tutti i difensori della scalinata sacra che conduceva alle stanze del Gran Sacerdote e della dea Atena, ma presto le loro forze sarebbero state nuovamente messe alla prova, in una notte che si sarebbe tinta del vermiglio colore del sangue.

Doa of Alrisha passeggiava placido all'interno della sua dimora, i pensieri persi nel ricordo della giornata appena trascorsa. Con i sensi all'erta e conscio dell'importanza della sua missione fu il primo ad avvertire il cosmo ostile che rapidamente si avvicinava ad una delle case superiori. Impercettibilmente turbato da una strana nota che riusciva a percepire in fondo a quell'energia, il cavaliere fece per muoversi verso quella fonte di potere, quando un suo pari gli sbarrò la strada. “Buonasera Camus – salutò Doa – qual buon vento ti porta qui, così lontano dalla tempio della giara del tesoro?”. La risposta che seguì non piacque affatto al guerriero padrone di casa “Vento freddo, foriero di tempesta. Quanto hai detto oggi, durante la riunione, non mi ha soddisfatto. Ed io ho bisogno di risposte.” fu la fredda frase che il custode dell'undicesima casa pronunciò prima di espandere velocemente il suo gelido cosmo. L'attacco fu così rapido e repentino che Doa non ebbe modo di difendersi, e prima ancora di poter dissuadere il compagno, prima ancora di potersi disperare per non poter agire, si ritrovò prigioniero dei ghiacci. “Non temere, questo gelido tumulo ti terrà bloccato fino al sorgere del sole, questo tempo mi sarà necessario per capire.”. Dopo aver pronunciato le sue ultime parole il penultimo difensore della scalinata sacra si voltò, e con passo cadenzato uscì dalla dimora della sua vittima.


Libra fremeva impaziente. Il dì trascorso aveva acceso il suo spirito battagliero, non avrebbe avuto pace fino a quando i misteriosi assassini che avevano osato insozzare le pietre del Santuario non avrebbero sofferto le pene dell'inferno. Perso nei suoi propositi quasi non si avvide della figura che come uno zombie entrò nella sua dimora. Avvertì però l'espandersi del suo cosmo, potente e luminoso, e solo questo gli salvò la vita. Libra riuscì infatti ad evitare l'attacco indirizzatogli contro dal proprio assalitore, ma presto si trovò costretto sulla difensiva da un potere che quasi lo soverchiava. Eppure non riusciva a capire: come poteva il suo avversario possedere una tale forza schiacciante da mettere alle strette un cavaliere d'oro in pochi minuti? Ma questi pensieri non potevano assillare la sua mente, doveva mettere tutto sé stesso nella battaglia. Evitò una rapida successione di fasci luminosi e, atterrato agilmente sulla destra del proprio avversario, veloce saettò verso di lui nel tentativo di affondare una serie micidiale di colpi. L'attacco però non andò a segno, infranto contro una potente barriera, ed il misterioso assalitore lo atterrò brutalmente con un possente assalto frontale. Rialzandosi malamente Libra comprese che se voleva uscire vivo da quella battaglia doveva sfruttare appieno il proprio potere e, presa la giusta posizione, scatenò una tempesta distruttiva che ben presto rese polvere e detriti parte del marmo che rivestiva le pareti della propria dimora. Ma anche questa tecnica non sembrò sortire effetto, il sottile stato di protezione che il suo avversario aveva generato resse l'urto, sebbene provato fino al proprio limite. Il misterioso assalitore non diede però alla sua vittima il tempo di sfruttare quel vantaggio: velocissimo si portò di fronte a lui e dalle mani generò un'onda di luce potentissima che abbatté all'istante ogni resistenza. Il corpo di libra fu scagliato pesantemente contro una colonna e si schiantò rovinosamente al suolo. Il cavaliere, provato e sconfitto, cercò di rialzarsi per l'ennesima volta, ma il suo carnefice non gliene diede il tempo: rapido calò su di lui un fendente che mise fine alla sua esistenza. L'ultima immagine che rimase impressa nella mente di Libra fu quella del vecchio Pontefice, il grande Sion dell'Ariete, sferrargli il colpo di grazia.


Nella nona casa regnava la pace come negli ultimi dodici anni. Lo spirito di Aiolos, eroe leggendario per alcuni infame traditore per altri, mai aveva però abbandonato quel luogo. Dal paradiso dei cavalieri si accorse presto di una minaccia che oscura e maligna incombeva sul santuario, una minaccia che subdola ordiva alle spalle anche degli altri cospiratori. L'anima pura del guerriero del sagittario ancora una volta si mosse in nome della dea, ancora una volta cercò di difendere colei che già aveva salvato a prezzo della propria vita.


Rapido e lento sgusciò nel tempio. Da sempre era convinto di essere a lui superiore, così come lo era del suo indegno fratello. Era giunto il momento di chiudere la questione con lui, di eliminarlo finalmente dalla faccia della terra. Ma dopo aver cercato per tutto il palazzo il suo animo perse il coraggio, nessuno abitava quella dimora ed il cosmo che dentro vi aveva avvertito era solo una piccola traccia che aleggiava da un lontano passato mai dimenticato.


Nel tredicesimo tempio tre figure ammantante erano pronti a muoversi. Avevano ritardato la propria azione, strani cosmi si muovevano all'interno del Santuario, ma era ormai giunto il tempo di muoversi. Con il piano pronto fin nei minimi dettagli i cospiratori si separarono. Uno di loro restò indietro, un mare di petali circondò la sua figura mostrandone un'immagine scura e confusa. Dopo aver espanso il proprio cosmo lasciò che le rose, letali e cariche di un arcano e sinistro potere, si diffusero nei dintorni per confondere le sue tracce e quelle dei propri compagni.

Le due restanti figure attesero pazienti il proprio compagno e, dopo essersi ricongiunti, rapidi scesero la scalinata e presto giunsero alla dimora prescelta. Canadian era appena rientrato, arcani dubbi e domande senza risposte affollavano la sua mente, una sensazione che mai aveva provato nella sua vita di cavaliere. Non appena oltrepassò la soglia del tempio di cui era il custode comprese che la sua vita avrebbe presto avuto termine: tre figure ammantate dal proprio cosmo sfavillante gli si pararono davanti. Conscio di non poter sfuggire ad una tale situazione Canadian si preparò a sostenere quell'impari combattimento. Compreso che il loro bersaglio non sarebbe fuggito un ghigno sadico increspò il volto del terzo assassino, che rapido si scagliò contro la vittima designata. Ma il freddo cavaliere della foglia d'acero non si scompose davanti all'attacco e con un fluido gesto della mano scaraventò l'assalitore contro una colonna. Immediatamente anche le restanti due figure si mossero, e l'impatto fu ben più diverso: un immenso potere si abbatté sul difensore mandando in frantumi il muro di ghiaccio che lesto aveva eretto in sua difesa, e dal fianco l'attacco veloce dell'ultimo assalitore lo investì in pieno strappandogli un grido di dolore. Rialzatosi a fatica Canadian era pronto a vender cara la pelle: lanciò un getto d'aria congelata che costrinse gli assassini a separarsi. Convinto a sfruttare quest'unica possibilità di sconfiggere almeno uno dei suoi nemici lanciò la sua tecnica definitiva contro il secondo assalitore, ma questi riuscì abilmente a pararla evitandone gli effetti devastanti. Di nuovo riuniti, i tre assassini lo attaccarono con una serrata sequela di colpi che misero alle strette il difensore del tempio. Presto il sangue ne macchiò la dorata armatura ed il respiro si mutò in un rantolo affannato. Subito l'ennesimo attacco dalla figura che per terza si era mossa, si ritrovò nuovamente a terra con in bocca il sapore acre della sua linfa vitale. Cercò strenuamente di rimettersi in piedi, ma il primo dei suoi carnefici ne colpì dall'alto le martoriate carni scagliandolo dalla parte opposta della stanza. Sputando sangue questa volta Canadian non riuscì a rialzarsi, l'ultima cosa che i suoi occhi ormai offuscati videro fu l'intensa luce del colpo di grazia che lo privò della vita.

Nella settima casa Dohko stava espandendo il suo cosmo. Nel pieno della concentrazione si avvide in ritardo dell'assalto a cui Canadian era stato sottoposto, e presto comprese che non v'era nulla che potesse fare per salvare il suo compagno. Solo una cosa poteva rendere onore alla sua caduta, scoprire chi lo aveva così brutalmente assassinato. Concentrò quindi ogni stilla di energia per carpire un qualcosa da quelle tre auree che feroci avvampavano e, dopo qualche secondo, proprio mentre il dolce soffio della vita abbandonava le spoglie del saint della foglia d'acero comprese. Aveva riconosciuto il cosmo di uno degli assassini.


SECONDO GIORNO

Due omicidi. Due difensori della dea Atena erano stati brutalmente assassinati nel corso della notte. Se da un lato dall'alto del suo scranno Saga era soddisfatto dell'esito della missione notturna, dall'altro era enormemente infastidito dalla presenza di un secondo assassino all'interno del Santuario. É vero, la sua presenza poteva essergli di aiuto per la realizzazione del suo piano, ma le troppe variabili in gioco non gli consentivano di vedere questo nuovo sicario come un potenziale alleato: doveva essere presto scovato ed eliminato. Riscossosi dai suoi pensieri, indossò l'abito sacerdotale e si calò la maschera sul volto, pronto a presiedere, insieme ad Atena, il concilio dorato che avrebbe dovuto smascherare l'identità dei colpevoli.

La confusione ed il caos regnavano sovrani: gli estremi difensori della dea, dopo un giorno di indagini e ricerche, si erano presentati al concilio portando con loro due figure, che ritenevano implicate negli orribili fatti accaduti durante la notte. Aldebaran e Yati aspettavano immobili il giudizio, con distacco, quasi non importasse loro che la propria vita era in pericolo.
Quando il sommo pontefice entrò nella sala il secondo accusato ebbe un sussulto, sussulto che non sfuggì agli occhi di colui che dimorava ormai da dodici anni presso il tredicesimo palazzo. Il processo era, però, ben lungi dal dirsi concluso, dopo ore ed ore di dibattito si era creata una situazione di stallo: i voti finora espressi dichiaravano una perfetta parità su entrambe le questioni da dirimere. Saga, il volto celato dalla maschera, stabilì che era ormai opportuno prendere una decisione e si voltò quindi verso la dea affinché fosse lei a porre fine al concilio, ma proprio in quel momento Saintsaga entrò trafelato nella stanza esclamando “Scusate il ritardo, eccellenze!” e dopo essersi prostrato dinnanzi al concilio pronunciò i suoi voti.
Con espressione stanca e provata, Atena si levò dal proprio scranno e si avvicinò a Yati. Senza proferir parola concentrò il proprio cosmo per colpire il condannato: egli cadde al suolo privo di vita con un quieto sorriso che gli aleggiava sul volto. Subito la dea si diresse verso un angolino in disparte, ove Shura di Capricorn aspettava con timore di conoscere quale sarebbe stata la sua sorte. Atena gli si parò di fronte ed espanse nuovamente la sua aura dorata, ma invece di ripetere quanto già fatto con Yati, usò la propria energia per distruggere i ceppi che lo tenevavo prigioniero: “Sei libero, cavaliere. Ora come non mai il Grande Tempio ha bisogno di difensori.”.



SECONDA NOTTE

Alta la luna nel cielo di Atene rideva beffardamente del destino dei Cavalieri di Atena: impauriti ed irrequieti i santi si stavano uccidendo l'un l'altro.
Nel buio della tredicesima casa un'imponente figura gettò di lato le vesti sacerdotali: lesta una corazza dorata si dispose sul suo corpo avvolgendone e fortificandone le membra. Dall'oscurità emersero delle figure, Saga le osservò farsi avanti ed a loro si rivolse: “É tempo di uccidere.”


Aledileo si era ritirato nei propri appartamenti da qualche ora. Stanco per l'intensa giornata ancora si domandava se aveva ben interpretato i segni, e sempre non riusciva a trovare la giusta risposta. D'un tratto le porte che chiudevano la sua stanza si spalancarono, alcune figure varcarono minacciose la soglia: “L'ora fatale è giunta. Stanotte morirai!” esclamò il primo del gruppetto. Per niente intimorito dalle parole appena udite Aledileo si levò in piedi ed espanse il proprio cheto cosmo e, sicuro di sé, restò in una posa priva di guardia, come in attesa. Tale manifestazione di forza spaventò gli aggressori, sebbene questi non indietreggiarono di un passo. Fu allora che giunse, veloce come la luce, un inaspettato difensore. “Stolti privi di senno, vili marrani! Non oserete torcere un solo capello a codesta figura finché io sarò ancora in vita!” li sfidò Mu dell'Ariete. Sorpresi della piega che i fatti stavano prendendo, i misteriosi aggressori fulminei si ritirarono e lesti sparirono. Mu si mosse, quasi come se volesse riacciuffarli, ma un delicato tocco sul braccio lo fece desistere.


Nel settimo tempio dello zodiaco la meditazione di Dohko era giunta al culmine. Aveva avvertito il pericolo, ma presto si era accorto che un amico era giunto a salvare Aledileo, per questo non interruppe lo scorrere impetuoso del proprio cosmo. Fu questa perseveranza, forse, a condurlo di nuovo al successo: un altro fremito aveva percepito nell'aura dei traditori, ancora una volta un'energia famigliare era stata riconosciuta.


Sion era indispettito, la situazione gli stava sfuggendo di mano, ma presto avrebbe ritrovato il bandolo della matassa. Perso nei propri pensieri non si avvide della figura che nell'ombra lo seguiva. Non avvertì il forte istinto omicida malcelato nell'oscurità. Veloce e potente Kanon sbucò alle spalle del cavaliere con il pugno serrato carico di energia cosmica: la reazione di Sion fu lenta e l'attacco potente e determinato. Il santo di Atena cadde al suolo, con una profonda ferita da cui sgorgava vermiglio un filo di sangue. “Così ti lascio languire sgherro di Atena. Presto la fiamma della vita abbandonerà le tue membra, ma prima che ciò accada è bene che tu impari a conoscere il dolore.”. Apostrofando così la propria vittima, Kanon si voltò e tornò a percorre la scalinata. Presto una silente figura lo raggiunse, ed insieme proseguirono fino a scomparire nella notte buia.


Nelle sue stanze, intanto, Atena espandeva il proprio cosmo. Raggiunto l'apice si voltò e le sue delicate mani sfiorarono il martoriato cadavere di Libra. “Torna tra noi Cavaliere. Ora più che mai abbiamo bisogno di te.”.



TERZO GIORNO

La decisione fu pressoché unanime: dei tre cavalieri citati in giudizio uno fra tutti veniva additato come il colpevole del ferimento di Sion. Il Consesso intero dei santi dorati si mosse quindi all'unisono, con  il chiaro scopo di condannare l'imputato e porre così fine ai vigliacchi attacchi cui gli abitanti del Grande Tempio erano soggetti da tre notti a questa parte.
Giunti infine presso la dimora di Antares uno strano spettacolo si parò di fronte ai loro occhi: nel buio del tempio una dorata corazza emetteva lucenti bagliori, ma dell'accusato non vi era traccia alcuna.
Dopo alcuni attimi di sorpresa gli sguardi dei presenti si voltarono verso la dea Atena, il cui sguardo incrociò quello della maschera sacerdotale del pontefice: il rappresentante in terra della divinità con un brusco gesto del capo annunciò infine che l'esecuzione veniva dichiarata sospesa. Detto ciò si voltò e rapido tornò presso le proprie stanze.

Intanto presso l'infermeria del Santuario Sion esalava l'ultimo respiro illuminato dai raggi del sole morente. Da un angolo in ombra, Aiolia osservò silente il compagno d'armi spirare chiedendosi se avesse realmente compiuto la scelta giusta.


TERZA NOTTE


Di tinte rossastre si tinse il tramonto, il sole sparì all'orizzonte in un mare vermiglio segno che presto altro sangue sarebbe stato versato.

Poche erano le ore trascorse dal calare dell'astro luminoso di cui Apollo era sovrano, il grande Mu in quel momento si dirigeva lesto presso la casa dell'antico alleato certo che ancora una volta il suo aiuto si sarebbe rivelato necessario. Nel mezzo della scalinata che percorreva le dodici case però un'amara sorpresa lo attendeva: tre ostili figure si stagliavano immobili nel mezzo della via. Non appena il cavaliere della prima casa li raggiunse un brivido freddo lo colse dietro la schiena, cosmi battaglieri si accesero ed il gruppetto si scagliò su di lui. Grazie al teletrasporto riuscì ad evitare un primo attacco, mentre con una mano carica di cosmo centrava in pieno la seconda figura che dall'alto tentava di sorprenderlo; subito dopo alzò lesto una barriera difensiva nel tentativo di parare gli attacchi simultanei del primo e del terzo assassino, che solerte era tornato alla carica, ma  le tecniche combinate dei due combattenti mandarono in frantumi il muro creato. Allontanatosi in fretta dal punto ove gli attacchi distrussero gli scalini, solo quando atterrò si accorse che uno dei colpi lo aveva raggiunto. Rallentato dalla sorpresa non si accorse che il terzo nemico aveva proseguito nel suo slancio e presto si trovò scaraventato sulla parete rocciosa dal suo luminoso attacco. Dopo un solo secondo si ritrovò bloccato anche dal ritorno degli atri due assassini che troneggiarono su di lui ghignanti. Conscio che ormai la sua vita era alla fine il grande Mu cercò di reagire un ultima volta senza successo, ed immediatamente i tre gli diedero il colpo di grazia.

Nella tredicesima casa, intanto, il redivivo Libra si trovava presso l'altare di Atena, ove la dea infondeva  il suo cosmo nel suo corpo martoriato al fine di tenerlo in vita per un altro fondamentale giorno. Finita l'operazione il cavaliere d'oro ricevette la benedizione della dea e rapido uscì dal tempio forte di un rinnovato vigore e deciso a compiere la sua missione, ma dopo soli pochi metri percorsi si accorse che qualcosa non andava, gli sembrava di camminare in tondo come se pur percorrendo la strada non avanzasse di un solo metro. Nel mentre il dubbio attanagliava la sua mente il cavaliere d'oro dei gemelli apparì davanti a lui: la sorpresa fu tale che nessuna reazione poté abbozzare ed in men che non si dica si trovò prigioniero in un'altra dimensione.

Asher stava entrando presso la propria casa quando si avvide che nell'ombra qualcosa si era mosso. Messo sull'avviso, attaccò repentino nel punto in cui credeva di aver scorto la figura, ma il colpo lanciato andò a vuoto. Tranquillizzato da quanto accaduto si rilassò, ritenendo il suo un mero scatto di nervi dovuto alla tensione degli ultimi giorni. Quell'unico calo di attenzione fu però pagato a caro prezzo: dall'oscurità alle sue spalle emerse il nemico che con un fulmineo diretto carico di energia cosmica lo centrò in pieno frantumandone l'armatura e causando una ferita che, se non curata, si sarebbe rivelata fatale. Troneggiando tronfio sull'avversario sconfitto, Kanon sorrise e si dileguò dal tempio, ancora una volta seguito dal suo servitore.



QUARTO GIORNO

Mentre Asher si spengeva solitario ed abbandonato presso la sua dimora, la sala del Grande Sacerdote era stata sede di uno dei consessi più estenuanti degli ultimi giorni. Ben tre erano gli imputati ed intorno a tutti gravitavano indizi, sospetti ed accuse legittime. Dopo un intero dì dedicato alle votazioni alla fine fu determinato il nome di chi sarebbe andato al rogo. Violet fu condotta dal redivivo Libra di malagrazia al cospetto del Pontefice e della dea Atena, affinché la sentenza venisse eseguita. Ma mente il cosmo della divinità si espanse al massimo per finire la traditrice, questa ebbe uno scatto inaspettato e violento riuscendo così a sottrarsi dalla forte stretta del suo carceriere, ed un'altra figura venne così uccisa al suo posto.
Colmi di rabbia e stupore i cavalieri presenti cercarono di rincorrere Violet, ma lei riuscì a dileguarsi prima ancora che questi potessero solo abbozzare un vero e proprio inseguimento.
Sconfitti e sgomenti i santi d'oro osservarono il corpo esanime di Shura di Capricorn chiedendosi quanto sangue sarebbe ancora stato versato prima che la giustizia riuscisse di nuovo a trionfare.



QUARTA NOTTE

Ormai tutto era perduto. Era stata scoperta proprio quando era ad un passo dalla vittoria, un'altra sola notte di sangue ed il suo sogno di dominio si sarebbe compiuto... Invece quell'infido cadavere aveva rovinato tutto. Violet maledisse ancora una volta il nome di Libra come già aveva fatto centinaia di volte da quando si era data alla fuga. Non era però il tempo dei rimpianti: i cavalieri d'oro avrebbero sì avuto la sua testa, ma un altro dei loro compagni sarebbe caduto per mano sua.

Lampo del drago camminava lentamente all'interno del suo tempio, quando all'improvviso si sentì disorientato, quasi come se la sua casa si fosse trasformata in un labirinto. perso in un luogo che non riconosceva più vagò tra le colonne espandendo il suo cosmo nel tentativo di individuare il nemico fautore di tale messinscena. Dopo pochi secondi apri gli occhi e comprese, tutto si dissolse e si trovò di fronte ai misteriosi assassini. "E così alfine siete giunti a prendere anche la mia vita." commentò Lampo. Senza proferir verbo gli assalitori lanciarono i loro potenti attacchi con perfetta intesa: la loro vittima cercò di difendersi ma presto numerose ferite, causate dai colpi incessantemente scagliati dai suoi avversari, ne rallentarono i riflessi ed movimenti e presto il suo respiro divenne affannoso ed il fianco sempre più scoperto. Conscio della superiorità numerica del nemico Lampo cercò comunque di rispondere agli attacchi, ma presto venne sopraffatto: stremato dal lungo combattimento non potè resistere alla forza combinata degli assassini. Così si spense il prode guerriero, nel pieno di un combattimento eliminato esclusivamente dalla superiorità numerica del nemico.

Last camminava pensieroso. Tanti cavalieri erano caduti nel corso delle notti ed altri sarebbero continuati a cadere. Perso nella sua mente tardi si avvide dello sguardo infuocato di Violet, che d'un tratto le era sbucata di fronte dall'ombra: "Cavaliere d'oro, tu cadrai come ultima vittima del mio pugno.". A nulla servì la dorata armatura: il colpo, carico del risentimento di Violet, sfondò la corazza e perforò il fianco di Last. Immediatamente la nera guerriera si dileguò, lasciando la sua vittima in una pozza di sangue.

Di nuovo sprofondò nelle tenebre. La vita provvisoria che Atena gli aveva concesso giungeva ormai al termine. Fiero di essere stato fondamentale nell'individuare uno degli attentatori, Libra si spense per l'ultima volta, contento di lasciare il posto ad un guerriero che forse si sarebbe mostrato più utile di lui: Doa of Alrisha era tornato in vita.


QUINTO GIORNO

La caccia era durata tutto il giorno. I cavalieri d'oro sopravvissuti avevano setacciato ogni angolo del Santuario pur di trovarla e porre fine alle sue azioni sanguinose, ultima delle quali aveva visto come vittima Last. Dopo ore ed ore di ricerca erano alla fine riusciti nel loro intento, ed ormai la traditrice era circondata dai guerrieri di oro bardati.
Fiera e pugnace Violet scrutava coloro che sarebbero stati i suoi carnefici con sguardo di sfida, fiera di ciò che era ed orgogliosa di come il Grande Tempio fosse stato messo alle corde dai suoi intrighi. Proprio mentre il colpo di grazia calava su di lei, ella osservò il cielo ed il sole infuocato riservando al fratello il suo ultimo pensiero, augurandosi che almeno lui sarebbe riuscito nell'ardua impresa di sottomettere definitivamente il Santuario.

Dopo aver chiaramente avvertito il cosmo della sua carnefice spengersi sotto i colpi dei suoi compagni, Last crollò esanime nel proprio letto di morte. Il suo ultimo pensiero andò a coloro che avevano vendicato la sua scomparsa, ed un moto d'orgoglio riempì il suo cuore morente fiero di aver combattuto accanto a commilitoni così valorosi.


QUINTA NOTTE

Finalmente le era chiaro. Le trame intessute in queste notti sanguinose, gli orrendi omicidi che avevano segnato il Santuario erano stati svelati... o almeno così Atena credeva. Tutto sembrava combaciare: gli indizi, le parole sparse e fugaci, gli atteggiamenti e le tracce trovate sui luoghi dei delitti. La mente della dea era ormai focalizzata su quanto aveva ormai dedotto e non v'era spazio per altro. Che questo fosse un bene o un male lo avrebbe presto scoperto...

Saga uscì imponente dal tredicesimo palazzo con il chiaro intento di uccidere. Non gli interessava chi, l'importante era eliminare un abitante del Santuario: ancora un giorno ed il suo piano si sarebbe realizzato.
Non ci mise molto ad imbattersi in una piccola figura che mesta avanzava sulla scalinata, ed ancor meno impiegò a porre termine alla sua vita calando il proprio rovente pugno intriso di cosmo sul piccolo malcapitato.


SESTO GIORNO

Era giunto ormai il tempo. Il Pontefice si disfò della lunga veste sacerdotale rivelando la propria dorata corazza, che splendente e minacciosa rifulgeva di aurei bagliori, e con al fianco il cavaliere del capricorno si diresse con passo maestoso verso la sala ove la dea riposava, ma spalancate le porte un'amara sorpresa gli si parò dinnanzi: attorno ad Atena i cavalieri d'oro riuniti erano pronti a porre fine alla sua sanguinosa rivolta.
Superato il primo momento di stupore, Saga non si perse d'animo. "Orsù dorati custodi - li apostrofò - rinnegate la debole dea che invano proteggete e schieratevi al fianco di colui che regnerà induscusso sulla terra!". Grida di rabbia si innalzarono immediatamente dal gruppetto dei difensori di Atena e subito il redivivo cavaliere di Ariete si scagliò contro il rinnegato, ma Saga di Gemini con un movimento fulmineo generò una tempesta di energia che scaraventò il grande Mu contro una colonna, martoriandone ancor di più le dilaniate carni. Mentre ciò accadeva anche Aldebaran del Toro si mosse, ma fu Shura di Capricorn ad affrontarlo generando veloci e potenti fasci di energia che presto infransero le difese del custode della seconda casa. Sconcertata da quanto stava accadendo, Atena guardò supplicante Shaka di Virgo che lesto si mosse per affrontare i due traditori: un sinistro sfrigolio riempì l'aria mentre le energie contrapposte di Saga e del custode della sesta casa dello zodiaco si scontravano, ma d'un tratto un altro cavaliere d'oro dei gemelli apparì a lato di Shaka, che per un breve istante si distrasse e venne così travolto dal colpo segreto del cavaliere preposto a guardia del terzo tempio.
Sbigottita Atena osservò lo spettacolo che le si parava davanti: in piedi i due traditori troneggiavano sugli ultimi difensori ormai sconfitti. La vita provvisoria del grande Mu era ormai giunta al termine, mentre Aldebaran e Shaka sanguinanti ed esausti giacevano al suolo privi di sensi. Soddisfatto del proprio operato Saga estrasse il gladio dorato e si preparò a porre in essere l'atto finale del proprio piano, uccidere la dea. Avvicinatosi al trono divino levò il braccio ed esclamò: "Atena scendi in Ade!". Sbigottita da quanto era accaduto la vergine guerriera capì che ormai tutto era perduto, quando le dorate vestigia del Sagittario si interposero tra lei ed il suo carnefice. Esterrefatto da quanto stava accadendo Saga bloccò il proprio attacco, ma dopo un solo istante di smarrimento scatenò una devastante esplosione di energia allontanando, ormai in frantumi, l'armatura un tempo appartenuta ad Aiolos. Convinto che ormai nulla lo avrebbe più ostacolato levò per la seconda volta il gladio deicida, ma proprio l'istante prima che questo trafiggesse la dea si sentì trapassare il costato da un colpo subito alle spalle. Piegato in due per l'attacco subito il cavaliere dei gemelli si girò ansante e di fronte a sè vide Shura di Capricorn ormai libero dal controllo del Genromaoken, liberato da Atena proprio all'ultimo istante, nel momento in cui le vestigia del sagittario erano corse in suo aiuto. Furente di rabbia Saga scagliò tutto il proprio potere contro l'inatteso avversario che, ancora sconvolto dalla liberazione della possessione, reagì con lentezza e venne spazzato via dall'esplosione devastante generata dal cosmo del suo nemico. Voltatosi nuovamente per fronteggiare Atena, Saga capì che ormai tutto era perduto: Aldebaran e Shaka avevano ripreso conoscenza e, sebbene malconci e distrutti, si erano posizionati al fianco del resuscitato Mu per scatenare contro il traditore la tecnica probità che tutto distruggeva, l'Atena Exclamation.
La deflagrazione fu devastante, il grande Mu sprofondò nuovamente nel regno dell'oltretomba e gli stessi santi del toro e della vergine stramazzarono al suolo in fin di vita. Ma lo sforzo congiunto dei cavalieri sopravvissuti non era stato vano: le forze del male erano state sconfitte, e la vita di Atena era stata preservata.
Aldebaran

Ruolo ricevuto
Aiolos87

Ruolo ricevuto  
Phoenix no Ikki

RICEVUTO!!!

CI SIAMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!
Antares

Ruolo ricevuto
Violet

Ok ruolo ricevuto.
Lampo del Drago

ce so'  
Last

CI sono anche io
Sion di Aries

Ruolo arrivato e confermato!
yati89

ruolo ricevuto
saga rules!!!

visto che le risposte e le conferme arrivano copiose io inizio a postare il prologo. in nottata arriverà la notte ed avrete 24 ore ti tempo per darmi il nome del condannato che, essendo la prima notte trascorrerà 1 turno in cella, dopodichè ci sarà una nuova votazione on la quale deciderete se liberarlo o meno




PROLOGO

Il sole cocente colpiva impietoso la scalinata antistante la prima casa dello zodiaco, il palazzo del montone bianco. Il dorato custode, avvolto nel suo bianco mantello, silenzioso osservava lo scorrere delle nuvole rimpiangendo non poco la frizzante arietta che era solita sferzargli il volto nella regione del Jamir dove usualmente risiedeva. A distoglierlo dai suoi pensieri fu una voce che ben conosceva “Grande Mu, qualcuno procede lungo la scalinata del Grande Tempio.”, disse il pestifero Kiki. “Un oscuro manto di tenebra deve essere calato sul Santuario se egli ha deciso di tornarvi in un momento come questo.” fu il commento del cavaliere d'Ariete all'appropinquarsi dell'inatteso ospite.
Alla luce del giorno ateniese una piccola figura comparve arrancando sui bianchi gradini del sacro tempio di Atena. Rivolgendo un benevolo saluto al custode della prima casa, come in risposta al suo sguardo interrogativo, gli disse “Dopo 242 anni ritorno in questo luogo affinché le tenebre non lo insozzino con il loro nero potere.”. Soppesando le parole del suo interlocutore il Grande Mu annuì con tono rispettoso “Allora il mio non era solo un brutto presentimento. Se anche voi – continuò il cavaliere d'oro – venerabile maestro, siete giunto qui quanto presagivo non era unicamente frutto della mia mente.”. Il diniego di Dohko appesantì ulteriormente il cuore del santo dell'Ariete: “Come spesso accade nel corso dei secoli per la brama di gloria e potere, di nuovo sarà versato inutile sangue.”. Lasciato questo oscuro monito l'ormai unico sopravvissuto alla precedente Guerra Santa si congedò e proseguì il suo cammino intenzionato a tornare a presiedere la sua antica dimora: il settimo tempio dello zodiaco.

“E così anche l'anziano Dohko è tornato?”. “Sì mio signore, il venerabile cavaliere della Bilancia presiede di nuovo il tempio che a lui fu affidato dalla dea 242 anni or sono.” si affrettò a rispondere Deathmask, santo d'oro del segno del Cancro. “La resa dei conti è finalmente giunta!” sogghignò soddisfatto il Grande Sacerdote da sotto la maschera che ben celava la sua vera identità. “Il momento che tanto ho atteso è arrivato. Con tutti i cavalieri d'oro ivi raccolti è ora che il mio piano di dominio, che da ben dodici anni tesso dall'alto del mio scranno, veda compiersi il suo fatale, glorioso atto finale: la caduta degli ultimi difensori di Atena.”. Mentre un ghigno sadico e folle increspava il volto del custode della quarta casa, una sommessa risata rieccheggiò cristallina da dietro una delle colonne del tredicesimo ed ultimo tempio: “sia fatta la volontà del sommo Pontefice.” sentenziò Aphrodite dei Pesci.

Non molto lontano dal tempio un solitaria figura colma di rabbia e rancore arrancava lungo la strada che portava al santuario di Atena. “Fratello mio, che tu sia maledetto! Come hai osato rinchiudermi in quella prigione? È giunto il momento che tu paghi per la tua insolenza, presto ti ucciderò ed il Grande Tempio sarà ai miei piedi!”. Perso nei propri deliri egli non si avvide di un uomo che lento procedeva nella direzione contraria alla sua, ma quando questi si accorse della figura solitaria la osservò corrucciato e, dopo qualche secondo, un lampo di comprensione attraversò i suoi occhi. Lampo che però non passò inosservato, e prima ancora che questi potesse reagire un colpo rapido e preciso gli offuscò la mente “la tua volontà è ormai sotto il mio controllo Gigars, Primo Ministro di Atene. D'ora in avanti aiuterai Kanon di Gemini nell'adempiere i suoi propositi di vendetta!”.
Asher

Ricevuto!
Canadian

pm ricevuto
Aldebaran

Nel prologo immagino non ci siano indizi giusto?
Marionettenspieler

Ricevuto! ^_^
saintsaga1983

ricevuto!
Sion di Aries

Misembra che non ci siano indizi, almeno che Lampo no sia Kanon!
Shura di Capricorn

Sion di Aries wrote:
Misembra che non ci siano indizi, almeno che Lampo no sia Kanon!


Ho pensato la stessa cosa.
Ergo Gigars sarà Doa...
Sion di Aries

Shura di Capricorn wrote:
Sion di Aries wrote:
Misembra che non ci siano indizi, almeno che Lampo no sia Kanon!


Ho pensato la stessa cosa.
Ergo Gigars sarà Doa...


E noi li votiamo per sicurezza!  
Shura di Capricorn

Sion di Aries wrote:
Shura di Capricorn wrote:
Sion di Aries wrote:
Misembra che non ci siano indizi, almeno che Lampo no sia Kanon!


Ho pensato la stessa cosa.
Ergo Gigars sarà Doa...


E noi li votiamo per sicurezza!  


Siamo già a buon punto, adesso scoviamo i Gemini e siamo a posto.
Sion di Aries

Dai che vinciamo in tre turni!    

Ok, se iniziamo così siamo messi male!  
Aledileo

Ruolo ricevuto e bel prologo.
Antares

Bel prologo

Anche io avevo pensato a Lampo (il colmo è se Kanon è veramente lui )
saga rules!!!

Aldebaran wrote:
Nel prologo immagino non ci siano indizi giusto?


e che santi sareste se dovessi dirvi tutto io? leggete e meditate, meditate e leggete... poi magari spremete a vuoto le vostre meningi, ma chissà? forse anche no

P.S. sono tornato a casa ora dopo una giornata campale, datemi il tempo di aggiornarmi e poi butto giù la notte
Aldebaran

saga rules!!! wrote:
Aldebaran wrote:
Nel prologo immagino non ci siano indizi giusto?


e che santi sareste se dovessi dirvi tutto io? leggete e meditate, meditate e leggete... poi magari spremete a vuoto le vostre meningi, ma chissà? forse anche no

P.S. sono tornato a casa ora dopo una giornata campale, datemi il tempo di aggiornarmi e poi butto giù la notte


Ho il vago sospetto di presa per il culo
Lampo del Drago

uffa, mi avete già scoperto...
effettivamente è vero... sono Doa.
saga rules!!!

Aldebaran wrote:
saga rules!!! wrote:
Aldebaran wrote:
Nel prologo immagino non ci siano indizi giusto?


e che santi sareste se dovessi dirvi tutto io? leggete e meditate, meditate e leggete... poi magari spremete a vuoto le vostre meningi, ma chissà? forse anche no

P.S. sono tornato a casa ora dopo una giornata campale, datemi il tempo di aggiornarmi e poi butto giù la notte


Ho il vago sospetto di presa per il culo


nn è una presa per il culo, è un modo per dirvi che nn posso affermare io se ci sono indizi o meno, sta a voi dare il giusto peso alle parole... a volte hanno un significato particolare, altre volte sono lì per mera scelta stilistica anche se magari appaiono come capi di accusa contro qualcuno. il prologo poi è un paragrafo di introduzione, quindi posso mettere indizi (molto celati se ci sono) ma posso anche nn metterne visto che il gioco nn è ancora iniziato
Shura di Capricorn

Lampo del Drago wrote:

effettivamente è vero... sono Doa.


Ma allora tu... hai sempre votato per te stesso! Politicante!    
Lampo del Drago

Shura di Capricorn wrote:
Lampo del Drago wrote:

effettivamente è vero... sono Doa.


Ma allora tu... hai sempre votato per te stesso! Politicante!    


oh yeah  
saga rules!!!

NOTTE ZERO


Un'immensa palla infuocata, una rossa arancia che di vermiglio tutto tinge e poi rapida scompare per lasciare il posto all'oscurità e alle stelle del firmamento. Questo era il sole come appariva dalla tredicesima casa in quel dì fatidico, mentre si avvicinava l'inizio della fine. Dalla balconata del palazzo del sommo Sacerdote di Atena, Saga ammirava rapito la bellezza di quel panorama naturale. Con un ghigno sul volto la sua mente fu rapita da una dolce visione: presto, molto presto, le sorti di della dea e dei suoi cavalieri più fedeli avrebbero conosciuto lo stesso fato del disco solare, e le forze del bene si sarebbero eclissate per sempre. Le forze oscure di cui lui, Saga, era indiscusso tiranno avrebbero ben presto dominato il Santuario ed una notte eterna e senza stelle avrebbe ammantato il mondo intero. Solo pochi uomini ancora si ergevano a baluardo di Atena, uomini che presto sarebbero caduti per mano sua e dei suoi fedeli alleati.



La frizzante aria che la notte aveva portato sul Santuario era una benedizione per i guerrieri di ronda: dopo la calura diurna girovagare per il Grande Tempio in quei momenti era quasi rinvigorente. Ma presto una notte da sogno si sarebbe trasformata in incubo per quei cavalieri d'argento che tutto si aspettavano fuorché di essere attaccati dall'interno.
Fu un combattimento, anzi un massacro, tanto rapido quanto impari. Veloce, sbucando da dietro una colonna, una figura calò sui malcapitati e li falciò tutti in un colpo solo, senza dar loro il tempo di rendersi nemmeno conto dell'accaduto. Soddisfatto del proprio operato l'omicida troneggiò ghignante sulle proprie vittime, alcune delle quali ancora agonizzanti, e con un cenno rapido del capo si rivolse ad una figura che in disparte lo accompagnava. Questi annuendo calò dall'alto il colpo di grazia agli sconfitti e si rivolse al suo padrone: “Il vostro biglietto da visita ai cani da guardia della dea.”. Annuendo soddisfatto la prima figura si voltò su sé stesso e prese a salire con passo sicuro le scale del Tempio senza degnare di uno sguardo le vittime appena cadute. Presto le due sagome scomparvero nella notte, mentre una pozza di sangue allagava sinistra lo spiazzale antistante il palazzo del montone bianco.



L'odore acre della linfa vitale, un fresco vento che gli accarezzava i capelli, la terra umida che gli sporcava le dita. Sion si riebbe così dal sonno eterno. Svegliatosi come d'incanto non capì la ragione per la quale era tornato a calpestare il suolo mortale. Aprendo gli occhi ed alzando il capo non ebbe però il tempo di comprendere ulteriormente: una nera, imponente ed inquietante figura lo soverchiava e la sua volontà ne fu presto schiacciata. Dopo pochi secondi un solo pensiero albergava nella sua mente: uccidere i cavalieri di Atena, uccidere la dea stessa.



Ok ragazzi, voglio il nome di colui che finirà in galera, ricordo che dopo la prima notte voterete per decidere se riaverlo in libertà o meno, entro 24 ore circa. quindi visto che ora sono le 3 passate direi che il limite sarà allungato a sabato verso l'ora di pranzo, però se riiuscite a finire entro domani notte la cosa schifo nn mi fa di certo, anzi sicuramente scriverei il giorno entro venerdì stesso
Sion di Aries

Per Saga ci sono pochi dati e degli altri niente, sarà dura mi sa!  
Comunque la storia del sole, così enfatizzata mi fa pensare che li troviamo l'indizio!
L'allegoria all'arancia fa pensare alla sicilia, quindi Canadian!
Il sole che si eclissa mi fa venire in mente Hades, quindi Violet!
Il sole in se e le sue proprietà fiammeggianti a Ikki!

So che non è molto, ma questo abbiamo! Aiutatemi a sviscerare

Per Kanon ben che meno. Esce da una colonna nell'ombra, tipico del personaggio, non andrei subito ad additare Violet come il solito!
La brezza fresca, frizzante, c'è sia con sion che con Kanon, quindi direi niente ghiacci!
Personaggio che colpisce con forza, ma non si sporca le mani, un tipo nobile e altezzoso, Fish? Doa?


Per ora è tutto, su Sion abbiamo troppo poco, ditemi voi! Sopr ai miei quattro sospetti!
Phoenix no Ikki

faccio finta di non aver letto l'accusa di Sion... non fatemi morire prematuramente anche in questo GiT...

passiamo alle deduzioni...il fresco vento che accarezza i capelli di Sion non potrebbe essere un riferimento all'avatar di Canadian?

per il voto aspetto le deduzioni degli altri perchè per me è confusione assoluta... eppoi il fatto che i personaggi del git sono anche la maggior parte dei nick del forum confonde un po' le acque sugli indizi...
Doa of Alrisha

da rileggere con attenzione..... direi che mi ci metto ad ora di pranzo
Aldebaran

Quote:
una figura calò sui malcapitati e li falciò tutti in un colpo solo, senza dar loro il tempo di rendersi nemmeno conto dell'accaduto.


A me questa frase ha fatto venire in mente Shura o ad  Ale.
Fra l'altro dopo si parla esplicitamente di pozza di sangue.

Quote:
L'odore acre della linfa vitale, un fresco vento che gli accarezzava i capelli, la terra umida che gli sporcava le dita


A me questo riferimento alla terra ed al vento fa pensare o a Doa o a Yati.
Shura di Capricorn

Devo rileggere con calma.
A me la descrizione del sole che tramonta a lascia spazio alle stelle farebbe pensare a un colpo, ma non riesco a focalizzare quale. Magari è solo uno spunto narrativo.
Riguardo alle pozze di sangue, la mente va subito all'ottava casa.
saintsaga1983

Un'immensa palla infuocata, una rossa arancia che di vermiglio tutto tinge e poi rapida scompare per lasciare il posto all'oscurità e alle stelle del firmamento. Questo era il sole come appariva dalla tredicesima casa in quel dì fatidico, mentre si avvicinava l'inizio della fine. Dalla balconata del palazzo del sommo Sacerdote di Atena, Saga ammirava rapito la bellezza di quel panorama naturale. Con un ghigno sul volto la sua mente fu rapita da una dolce visione


A me la prima frase fa pensare alla royal demon rose(mi rimanda allo scontro tra aphro e ferro cremisi).
Inoltre saga è rapito dalla bellezza del panorama,e chi meglio del cavaliere della dodicesima casa è quello che + predisposto a percepire la bellezza??


Poi non saprei!!!
Violet

Dunque, innanzitutto complimenti al Master per il prologo.

Come sempre accade dopo che è stata postata la prima notte, navigo in alto mare e l'idea di sparare nel mucchio mi alletta ben poco. Anch'io sono stata immediatamente colpita dalla descrizione assai particolareggiata del tramonto e dalla metafora dell'arancia, che avrebbe tutta l'aria di essere un indizio, ma anche in altre occasioni il Master ha dato prova di essere molto abile nella scrittura per cui propendo per una interpretazione di tipo narrativo. Saga ghigna, ma questo particolare è coerente con il suo personaggio... sennò l'altro cavaliere che mi viene in mente per le sue risatine è Milo (e quindi Antares) oppure Minos (e quindi Marion), ma è oggettivamente poco per incriminare sia l'uno che l'altra.

Anche su Kanon e il suo compare ho ben poco da dire... magari gli indizi ci sono, però sono un pò nebulosi. Anche qui si parla di un cavaliere che ghigna, e a tal proposito valgono le considerazioni fatte sopra, mentre la pozza di sangue mi fa venire in mente Aphrodite.

Per quanto riguarda Sion, peggio che andar di notte... aspetto un altro pò prima di esprimermi, magari le considerazioni degli altri giocatori mi chiariscono le idee.
Lampo del Drago

vorrei porre l'attenzione su questa parte

"con un cenno rapido del capo si rivolse ad una figura che in disparte lo accompagnava. Questi annuendo calò dall'alto il colpo di grazia agli sconfitti e si rivolse al suo padrone: “Il vostro biglietto da visita ai cani da guardia della dea." "

1-il primo personaggio, quello che fa fuori tutti con un colpo è Saga (shura? ale? saintsaga?), indicato come "padrone" del secondo personaggio
2-il secondo personaggio colpisce dall'alto (shura?)
3-non c'è traccia del terzo, al momento



anche la parte sul sole non è male
Phoenix no Ikki

io credo che gli assassini dei silver siano kanon e gigars e non i gemini...
Sion di Aries

Phoenix no Ikki wrote:
io credo che gli assassini dei silver siano kanon e gigars e non i gemini...


Direi di si, il chiamare padrone indica il dominio su Gigars.

Io rompo il ghiacci e voto Canadian!    

Diciamo che quando lo sospetto è sempre colpevole e non saprei chi sceglier etra i miei quattro sospettati. L'allegoria dell'arancia è l'unica cosa forzata del bel prologo, quindi mi butto su questo indizio!

Sorry Canadian, ma un pò te lo meriti!  
Aldebaran

Quote:
con un cenno rapido del capo si rivolse ad una figura che in disparte lo accompagnava. Questi annuendo calò dall'alto il colpo di grazia agli sconfitti e si rivolse al suo padrone: “Il vostro biglietto da visita ai cani da guardia della dea." "


A quanto pare Gigars sembra in grado di volare, e questo mi fa pensare ad Aiolos.

Per quanto riguarda Saga, il riferimento al sole potrebbe essere un riferimento a qualche firma di qualche utente?
saga rules!!!

bene, vedo che sion ha dato il la alle votazioni.

Sion    canadian


hop hop ragazzi, seguite il suo esempio
Aldebaran

Io voto Shura.
Shura di Capricorn

Considerado la pozza di sangue e la strage mi verrebbe da dire Antares, però forse è vero pure quello che dice Saintsaga riguardo a Saga che contempla la bellezza, il che farebbe pensare a Doa e pure lì le pozze di sangue abbondano così come la strage dei nemici. L'unica cosa che non torna è che le due parti si riferiscono a Saga e poi a Kanon.
yati89

A me il falciare fa pensare a Shura, ergo voto lui
Doa of Alrisha

Andiamoci piano con il votare di fretta. Riflettiamo bene. Lo sapere quanto è bastardo lo psicomaster  

le descrizioni sembra mescolate, come se kanon e saga agissero quasi insieme.
devo riflettere meglio.
saga rules!!!

siamo a 3 voti

sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
Canadian

Sion di Aries wrote:
Io rompo il ghiacci e voto Canadian!    

Diciamo che quando lo sospetto è sempre colpevole e non saprei chi sceglier etra i miei quattro sospettati. L'allegoria dell'arancia è l'unica cosa forzata del bel prologo, quindi mi butto su questo indizio!

Sorry Canadian, ma un pò te lo meriti!  


chissà perchè me l'aspettavo....dopo la lotta doa-lampo....parte canadian-sion .....   ... ti avrò attaccato al collo fino a fine partita?

"Fu un combattimento, anzi un massacro, tanto rapido quanto impari. Veloce, sbucando da dietro una colonna, una figura calò sui malcapitati e li falciò tutti in un colpo solo, senza dar loro il tempo di rendersi nemmeno conto dell'accaduto"

- per potenza ed esecuzione è uno legato a Saga, Shaka, Aiolia o Shura.....

sparo nel mucchio Aledileo
Flare

saga rules!!! wrote:
Un'immensa palla infuocata, una rossa arancia che di vermiglio tutto tinge e poi rapida scompare per lasciare il posto all'oscurità e alle stelle del firmamento.

Questo particolare mi fa pensare ad Antares o a Phoenix, magari può essere solo un rferimento narrativo per confonderci, ma mi fa alquanto pensare, è troppo descritto precisamente a livello coloristico.
Quote:

Fu un combattimento, anzi un massacro, tanto rapido quanto impari. Veloce, sbucando da dietro una colonna, una figura calò sui malcapitati e li falciò tutti in un colpo solo, senza dar loro il tempo di rendersi nemmeno conto dell'accaduto.

E questo mi ricorda Shura in modo troppo evidente
Il verbo "falciare" può essere riferito ad un'arma più che ad un pugno o a un colpo segreto. Ci vedrei benissimo Excalibur o la spada di Libra, quindi o Lampo, o Shura, o Libra.

Quote:

L'odore acre della linfa vitale, un fresco vento che gli accarezzava i capelli, la terra umida che gli sporcava le dita. Sion si riebbe così dal sonno eterno.

E questo mi ricorda... boh, Doa che coltiva le roselline
No, seriamente, qui secondo me non ci sono indizi, a parte forse il fresco vento, quindi o me o Canadian, ma siccome so di non essere io, potrebbe essere il secondo ^^

Ergo voto... boh, facciamo Phoenix no Ikki, anche se come prima notte si spara sempre nella mischia  
saga rules!!!

ed ora saliamo a quota 5

sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
Violet

Soddisfatto del proprio operato l'omicida troneggiò ghignante sulle proprie vittime, alcune delle quali ancora agonizzanti, e con un cenno rapido del capo si rivolse ad una figura che in disparte lo accompagnava.

Rileggendo questa frase m'è venuto in mente Milo che troneggia su Sirio e Pegasus, colpiti dalla Cuspide e quasi agonizzanti sul pavimento dell'ottava casa. Poco dopo si parla di una pozza di sangue che, come è stato già detto, è anch'essa associabile a Scorpio... Hmm  Hmm

Io voto Antares, anche se ovviamente gli indizi a cui mi appiglio sono ancora troppo vaghi.
Aldebaran

Vedo che qui c'è molta confusione
Aiolos87

Veloce, sbucando da dietro una colonna, una figura calò sui malcapitati e li falciò tutti in un colpo solo, senza dar loro il tempo di rendersi nemmeno conto dell'accaduto.

Come velocità d'esecuzione mi ricorda lo Scarlet Needle , voto per Antares
saga rules!!!

come sempre è divertente leggere le vostre riflessioni

sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares

siamo a 7 voti
Antares

Premetto che il mio portatile fa schifo e scriverci è un'ardua impresa
Quindi prima di domani pomeriggio interverrò il meno possibile

saga rules!!! wrote:

[i]Un'immensa palla infuocata, una rossa arancia che di vermiglio tutto tinge e poi rapida scompare per lasciare il posto all'oscurità e alle stelle del firmamento.


Questo strano pezzo credo sia un indizio su Saga, forse Phoenix?

saga rules!!! wrote:
Saga ammirava rapito la bellezza di quel panorama naturale. Con un ghigno sul volto la sua mente fu rapita da una dolce visione


Fa ovviamente pensare a Doa

saga rules!!! wrote:
La frizzante aria che la notte aveva portato sul Santuario era una benedizione per i guerrieri di ronda: dopo la calura diurna girovagare per il Grande Tempio in quei momenti era quasi rinvigorente.


Ricordo che in uno dei primi GiT, l'aria fresca intesa come una cosa positiva e il caldo come una cosa negativa, indicava che personaggi ad essi legati erano un buono e un cattivo. Quindi forse Flare/Canadian è un buono e Phoenix (c'è qualcun altro legato al caldo?) è un cattivo

saga rules!!! wrote:
Fu un combattimento, anzi un massacro, tanto rapido quanto impari. Veloce, sbucando da dietro una colonna, una figura calò sui malcapitati e li falciò tutti in un colpo solo, senza dar loro il tempo di rendersi nemmeno conto dell'accaduto.


Kanon (perchè dovrebbe essere lui) sbuca da dietro una colonna e falcia i nemici con un colpo: come non pensare a Shura? Oppure potrebbe anche essere qualcun altro dotato di colpi da taglio

saga rules!!! wrote:

Questi annuendo calò dall'alto il colpo di grazia agli sconfitti e si rivolse al suo padrone: “Il vostro biglietto da visita ai cani da guardia della dea.”.


Gigars colpisce dall'alto.

saga rules!!! wrote:
una pozza di sangue allagava sinistra lo spiazzale antistante il palazzo del montone bianco.


La pozza di sangue fa pensare a Doa (o a me se vogliamo).

saga rules!!! wrote:
L'odore acre della linfa vitale, un fresco vento che gli accarezzava i capelli, la terra umida che gli sporcava le dita.


Potrebbe anche non essere un indizio, ma fa pensare all'avatar di Canadian


Quindi al momento i miei maggiori sospetti sono su Phoenix, Doa e Shura

Ne scelgo uno a caso e voto Doa (Lampo quando hai detto di essere Doa mi hai ucciso dalle risate )

@sagarules: abbiamo 24 ore per votare per il ballottaggio o 24 ore per ballottaggio e rogo?

EDIT: vedo che mentre scrivevo mi avete già votato in due
Spero di non finire al ballottaggio, altrimenti come diavolo la scrivo l'arringa
saga rules!!!

siamo arrivati ad 8 voti

sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares
antares    doa


@antares: risolvere il ballottaggio entro stanotte la trovo una pia illusione. quindi direi che voglio i voti entro stasera così come le arringhe dei 2, o più, ballottanti ed entro domani il prima possibile il nome di colui che andrà in gattabuia. ricordo inoltre che dopo la prima notte questi sarà liberato
Asher

saga rules!!! wrote:
Un'immensa palla infuocata, una rossa arancia che di vermiglio tutto tinge e poi rapida scompare per lasciare il posto all'oscurità e alle stelle del firmamento.


Sicuramente sarà un riferimento narrativo, ma sinceramente appena l'ho letto m'è venuto in mente pensare alle ali della Fenice, quindi istintivamente:

voto   Phoenix
Phoenix no Ikki

Asher wrote:

voto   Phoenix


oh cavolo.... comincio a vederla brutta...
saga rules!!!

siamo arrivati ad 9

sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares
antares    doa
asher    phoenix no ikki
Aledileo

Molto bene, abbiamo iniziato. Un buon inizio, bravo PsicoMaster, ricco di citazioni del Doppiaggio Storico.
La frase "e le forze del bene si sarebbero eclissate per sempre" è ovviamente una parafrasi del monologo di Arles alla Tredicesima Casa quando dichiara che "L'eclissi del bene per sempre renderà i cieli neri come la pece!". Altra citazione dal Doppiaggio Storico era invece nel Prologo, quando Libra aveva dichiarato " di nuovo sarà versato inutile sangue".
Ciò detto, credo che i due assassini dei Cavalieri d'Argento siano Kanon e il suo compare. Per i Gemini, dobbiamo riferirci al Prologo e, per ciò che riguarda il solo Saga, all'inizio di questa notte.

Per quello che riguarda Kanon, gli indizi sono pochi e come sempre alla Prima Notte non è facile discernere tra narrativa pura e indizi nascosti. Il modus operanti di Kanon e di Gigars fa pensare a uno Scorpione o al Custode di Excalibur, sia per l'uso del verbo "falciare", che mi sa, come ha detto Flare, di colpo di lama, sia per lo stile di lotta. Il fatto inoltre che i nemici vengano falciati in un colpo solo mi ricorda Excalibur, un colpo univoco e non molteplice. E' anche vero che potrebbe essere un semplice modo per dire che furono colpiti tutti insieme.

A livello strategico direi che sarebbe opportuno beccare uno tra Sion e Kanon, per evitare che i morti siano tre ad ogni notte. Ma al momento non è cosa semplice. Non so perchè ma la descrizione di Sion mi fa venire in mente Fish: il riferimento all'odore acre del sangue, il vento che accarezza i suoi bei capelli, il riferimento alla terra umida (terra dove coltivare le rose?), svegliarsi come d'incanto (rosa nera di fatale incanto?), calpestare il suolo?. Magari è solo un'impressione, chissà, è presto per dirlo. Comunque voto per DOA.
Doa of Alrisha

scusa ale.... ma da quando aphrodite coltiva le rose?????? non mi pare di vedere vasi o appezzamenti di terra alla dodicesima casa                    

come al solito un bordello immane alla prima votazione. visto che sono 2 ore che cerco di trovare qualcosa, l'unica cosa che ho trovato è troppo vaga e per il momento la tengo per me.

Vada per Shura e speriamo bene.
Aledileo

Doa of Alrisha wrote:
scusa ale.... ma da quando aphrodite coltiva le rose?????? non mi pare di vedere vasi o appezzamenti di terra alla dodicesima casa                    
Magari hai chiesto alla Verginella di ritagliarti uno spazio nel Giardino dei Salici Gemelli per farci un orto!
saga rules!!!

siamo arrivati ad 11

sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares
antares    doa
asher    phoenix no ikki
ale    doa
doa    shura

ho fatto un casino con il post di prima, ho editato anzichè quotare, ergo lo ribadisco qui: colui che uscirà da queste votazioni nn andrà al rogo ma solamente in cella per 1 turno.
N.B. anche saga, atena, aiolos e kanon saranno passibili di condanna in questo caso in quanto nn è definitiva
Lampo del Drago

in realtà a me il verbo "falciare" fa venire in mente Ioria...
voto   Aledileo
saga rules!!!

e con il voto di lampo siamo a quota 12. ne mancano solo 6

sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares
antares    doa
asher    phoenix no ikki
ale    doa
doa    shura
lampo    ale
Libra

Scusa ma c'è il ballottaggio si o no? E soprattutto qual'è il termine per votare per il ballottaggio e poi per il "rogo"(prigione in questo caso)?
saintsaga1983

io voto per doa!!
Shura di Capricorn

Sono in dubbio tra Antares e Doa, ma credo che gli indizi portino maggiormente verso il secondo, che si adatta ad entrambe le situazioni narrative.
Voto Doa.
saga rules!!!

Libra wrote:
Scusa ma c'è il ballottaggio si o no? E soprattutto qual'è il termine per votare per il ballottaggio e poi per il "rogo"(prigione in questo caso)?


entro domani vorrei avere già il nome di colui che andrà in prigione. ergo visto che siamo arrivati a 13 voti vorrei avere i ballottanti e le arringhe per stasera


sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares
antares    doa
asher    phoenix no ikki
ale    doa
doa    shura
lampo    ale
saintsaga    doa
shura    doa
Marionettenspieler

Quote:
Soddisfatto del proprio operato l'omicida troneggiò ghignante sulle proprie vittime, alcune delle quali ancora agonizzanti, e con un cenno rapido del capo si rivolse ad una figura che in disparte lo accompagnava.


Quel dettaglio anche a me ricorda molto Antares, anche se al falciare i detentori di armi da taglio all'apparenza potrebbero sembrare più adatti. Troppo adatti forse (anche se dettagli palesi ogni tanto vengono usati, giusto perchè tanto nessuno crede possano essere così facili ^^')

Anche gli altri discorsi sul sole e la terra mi trovano abb concorde, anche se c'è il forte rischio di confondere dettaglio narrativo con indizio.

Non so su chi altro buttarmi. Visto che di norma al primo turno preferisco semmai sbagliare su qualcosa di più concreto voto   Antares. Sorry scorpioncino, è in realtà quasi a caso
saga rules!!!

con il voto di marion siamo a 15


sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares
antares    doa
asher    phoenix no ikki
ale    doa
doa    shura
lampo    ale
saintsaga    doa
shura    doa
marion    antares

per il momento abbiamo 3 papabili ballottanti con antares e shura a 3 voti e doa a 4
Shura di Capricorn

Antares, Doa e io abbiamo tre voti a testa e mancano solo due votanti, ergo credo che siamo già in ballottaggio tutti e tre. Master, vuoi che cominciamo a scrivere le arringhe?
Phoenix no Ikki

a me continua a venirmi in mente Canadian per il vento tra i capelli... ma non lo voterei mai con un indizio così insignificante, perchè ho un debito di riconoscenza perchè mi ha fatto da tutore al mio primo ( e sfortunato ) GiT (lui era Loki e io Fenrir)...quindi voto Antares quotando i discorsi che già hanno fatto altri e non sto a ripetere...
saga rules!!!

Shura di Capricorn wrote:
Antares, Doa e io abbiamo tre voti a testa e mancano solo due votanti, ergo credo che siamo già in ballottaggio tutti e tre. Master, vuoi che cominciamo a scrivere le arringhe?


se nn ho fatto male i conti di votanti ne mancano 3, e cmq l'unico che per il momento è sicuro di andare al ballottaggio è doa quindi credo sia il caso attendere per il momento

P.S. poi magari intanto voi l'arringa preparatevela così se serve ce l'avete già pronta ^^
Canadian

Phoenix no Ikki wrote:
a me continua a venirmi in mente Canadian per il vento tra i capelli... ma non lo voterei mai con un indizio così insignificante, perchè ho un debito di riconoscenza perchè mi ha fatto da tutore al mio primo ( e sfortunato ) GiT (lui era Loki e io Fenrir)...quindi voto Antares quotando i discorsi che già hanno fatto altri e non sto a ripetere...


figurati....dovere di tutore  
Phoenix no Ikki

Canadian wrote:
Phoenix no Ikki wrote:
a me continua a venirmi in mente Canadian per il vento tra i capelli... ma non lo voterei mai con un indizio così insignificante, perchè ho un debito di riconoscenza perchè mi ha fatto da tutore al mio primo ( e sfortunato ) GiT (lui era Loki e io Fenrir)...quindi voto Antares quotando i discorsi che già hanno fatto altri e non sto a ripetere...


figurati....dovere di tutore  
                   
saga rules!!!

mancano solo 2 voti


sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares
antares    doa
asher    phoenix no ikki
ale    doa
doa    shura
lampo    ale
saintsaga    doa
shura    doa
marion    antares
phoenix no ikki    antares

al momento il numero di ballottanti è sceso a 2, quanto i voti che mancano
saga rules!!!

ok ragazzi, io sto uscendo. per stanotte quando torno voglio trovare i restanti voti, le arringhe e se possibile i primi voti del ballottaggio.
Lampo del Drago

e una capricciosa al tavolo 12
Sion di Aries

Canadian sia chiaro che ho scelto te perchè sparand nel mucchio eri il più succoso(Vedi Arancia!)
Poi vedremo
Doa of Alrisha

Aledileo wrote:
Doa of Alrisha wrote:
scusa ale.... ma da quando aphrodite coltiva le rose?????? non mi pare di vedere vasi o appezzamenti di terra alla dodicesima casa                    
Magari hai chiesto alla Verginella di ritagliarti uno spazio nel Giardino dei Salici Gemelli per farci un orto!


ma              


L'arriga affumicata la faccio subito! sta sera ho un po d'impicci, quindi forse passo per domani!

Come al solito basta poco per nominare Doa!!
Ma se anche vi parlassi con autorità, non potrei dire di piu!
Il personaggio che interpreto, non mi alletta affatto.
Quindi se volete fare un fritto misto, prego fate pure!
sicuramente è peggio per voi! vi trovate con un cavaliere in meno!

detto ciò, vi saluto!    
Phoenix no Ikki

l'appello di Lampo "vota doa" a quanto pare ha un effetto anche postumo...    
Last

Falciare fa pensare a Shura, ergo voto lui
Aledileo

Riepilogo voti: manca solo Libra.

sion    canadian
aldebaran    shura
yati    shura
canadian    ale
flare    phoenix no ikki
violet    antares
aiolos    antares
antares    doa
asher    phoenix no ikki
ale    doa
doa    shura
lampo    ale
saintsaga    doa
shura    doa
marion    antares
phoenix no ikki    antares
Last Shura

Votati:
Shura, Antares, Doa, 4 voti
Aledileo, Phoenix no Ikki, 2 voti
Canadian, 1 voto
Lampo del Drago

be', se manca un solo voto vanno comunque in ballottaggio quei 3!

hop hop!
Aldebaran

Bene, quindi Shura, Antares e Doa sono al ballottaggio; sotto con le arringhe cavalieri
Shura di Capricorn

Sarò breve perchè c'è poco da dire.
Appena ho letto quel falciare mi è venuto di tutto perchè ero certo che mi avreste tiraro in ballo. In effetti la spada si presa all'azione descritta. E' però il modus operandi che mi scagione. Avete mai visto Shura compiere una strage di quelle dimensioni e soprattutto lasciare gli avversari in un lago di sangue. Una scena così truculenta non mi si addice, suvvia.
Se parliamo dell'ottava o della dodicesima casi lì si che troviamo esempi di azioni splatter.
Ricordatevi pure dei riferimenti al fresco. I tre paragrafi, tutti e tre, si aprono con delle descrizioni del sole che tramonta e del vento fresco. Non credo siano solo scelte narrative, il master vuole dirci qualcosa che ha a che fare con quegli elementi naturali secondo me.
Sion di Aries

Shura di Capricorn wrote:
Sarò breve perchè c'è poco da dire.
Appena ho letto quel falciare mi è venuto di tutto perchè ero certo che mi avreste tiraro in ballo. In effetti la spada si presa all'azione descritta. E' però il modus operandi che mi scagione. Avete mai visto Shura compiere una strage di quelle dimensioni e soprattutto lasciare gli avversari in un lago di sangue. Una scena così truculenta non mi si addice, suvvia.
Se parliamo dell'ottava o della dodicesima casi lì si che troviamo esempi di azioni splatter.
Ricordatevi pure dei riferimenti al fresco. I tre paragrafi, tutti e tre, si aprono con delle descrizioni del sole che tramonta e del vento fresco. Non credo siano solo scelte narrative, il master vuole dirci qualcosa che ha a che fare con quegli elementi naturali secondo me.


Quindi o Flare o Canadian da quello che dici te!

Visto che è sempre colpa di Canadian?      

Non votate più Doa!

Votate Canadian!      
Antares

Allora, intanto chi mi ha votato è sicuramente un cattivone
Ma vi pare possibile che debba produrre l'arringa anche se sto in vacanza  

Va be', forse vi perdono

Passiamo alla difesa:

saga rules!!! wrote:
Fu un combattimento, anzi un massacro, tanto rapido quanto impari. Veloce, sbucando da dietro una colonna, una figura calò sui malcapitati e li falciò tutti in un colpo solo, senza dar loro il tempo di rendersi nemmeno conto dell'accaduto.


saga rules!!! wrote:
una pozza di sangue allagava sinistra lo spiazzale antistante il palazzo del montone bianco.


Questi sono i pezzi per cui sono accusato, riassumibili in:
-massacro veloce
-cavalieri d'argento falciati da un colpo solo
-pozza di sangue
-nemici agonizzanti

La velocità di esecuzione del massacro può essere collegata a un qualsiasi cavaliere d'oro.
Non credo che la cuspide possa falciare tanti nemici contemporaneamente. E' un colpo di precisione che colpisce un solo nemico e si parla di un solo colpo, quindi non possono essere più cuspidi. Al contrario quello utilizzato è un colpo con un'area di azione che permette di colpire più nemici contemporaneamente. Inoltre si parla di falciare, verbo collegato ad un'arma da taglio.
La pozza di sangue la può lasciare chiunque, anche se ammetto che Scorpione e Pesci sono associati a questa particolarità.
I nemici agonizzanti sono l'indizio più palese nei miei confronti, ma mi permetto di ricordarvi la scorsa partita, nella quale accusavamo Sagarules di essere Loki per un indizio palese (quella volta l'indizio era palese e avete ucciso me a caso, se stavolta l'indizio è palese e uccidete comunque me, siete proprio cattivi )

Shura di Capricorn wrote:
Sarò breve perchè c'è poco da dire.
Appena ho letto quel falciare mi è venuto di tutto perchè ero certo che mi avreste tiraro in ballo. In effetti la spada si presa all'azione descritta. E' però il modus operandi che mi scagione. Avete mai visto Shura compiere una strage di quelle dimensioni e soprattutto lasciare gli avversari in un lago di sangue. Una scena così truculenta non mi si addice, suvvia.
Se parliamo dell'ottava o della dodicesima casi lì si che troviamo esempi di azioni splatter.


Ok non sono un esperto del G, ma ho visto le immagini sul sito.
Ricordi cosa fa Shura prima di affrontare Lama cinerea e Crio?
Esatto massacra (o falcia?) un esercito di soldati
Sion di Aries

Dopo le arringhe sono un pò indeciso, ci penso un attimo, perchè il falciar emi porta a Shura, ma non so! Pesci ha un colpo multiplo molto utile per fare strage, ma falciare! Anche Shura ha il colpo che usa ai primi numeri del G(unici che ho letto ) Scorpio colpisce con un colpo unico con tante diramazioni! Però sono le case con più sangue quelle dell'8° e 12°. MA da dire che i colpi di Shura lo fanno ben sanguinare Sirio!

Davvero non so che pesci pigliare! Doa? No questa volta non ancora, ma chissà!  
Flare

Doa, ma a te il personaggio non alletta mai? ^^''
Sei proprio baciato dalla sfiga mi sa

Comunque voto Antares, anche se gli altri due non è che mi abbiano convinto più di tanto.
I cavalieri agonizzanti più di tutti mi fanno venire in mente lui, la cuspide è l'arma più dolorosa e che spesso non uccide la sua vittima, Scorpio se ne vanta proprio per questo.

Vedremo se il giorno ci potrà dire qualcosa in più, al massimo tiriamo il sospetto fuori dalla gattabuia ^^
yati89

Io confermo il mio voto a shura, tutt'alpiù e ci sbagliamo lo tiriamo fuori dalla prigione
Canadian

   

voto doa, questo giro mi fido di Miracle Blade ed Antares...

credo che il micione c'abbia preso e che il pesciozzo sia Sion



canadian Doa
yati   shura
flare   antares
Aldebaran

Io confermo il voto allo spadaccino della decima.
Violet

Sono d'accordo con Flare: anche a me, come ho detto prima, i nemici agonizzanti e l'immagine truculenta della pozza di sangue fanno venire in mente Milo. Io riconfermo il mio voto ad Antares, poi, in caso, lo scagioniamo. ^^

Violet   Antares
Aledileo

Antares wrote:

Non credo che la cuspide possa falciare tanti nemici contemporaneamente. E' un colpo di precisione che colpisce un solo nemico e si parla di un solo colpo, quindi non possono essere più cuspidi.
Non per rompere le scatole , ma la Cuspide Scarlatta può colpire più di un avversario contemporaneamente. Come quando Scorpio colpisce i tre Rinnegati alla Casa di Virgo:
http://www.icavalieridellozodiaco...ades10/Atto3/photos/photo_20.html
http://www.icavalieridellozodiaco...ades10/Atto3/photos/photo_26.html
Ciò detto sono indeciso. Il fatto che uno tra Antares e Shura possa essere colpevole delle stragi contro i Cavalieri d'Argento non significa che Doa non possa essere Sion, dato che sono due ruoli diversi.
Facciamo che confermo il voto per Doa, e vediamo come va la prossima notte, se c'è qualche cattivo che non agisce.
Sion di Aries

Direi che alla fine voto Shura! Mi spiace spadaccino, ma qui ho capito che senza dati sui Gemini si cerca Kanon e Sion. Sul secondo non ho certezza alcuna, sul primo qualcosa. Ero indeciso fino alla fine tra Antares e Shura, ma alla fine anche se Ale ha dato una buona ragione sui colpi multipli di Milo, vedo molto più Shura adatto alal descrizione, di sangue ne versa pure lui! In più non è da milo non finire da solo le vittime. Shur alo vedo più buono e quindi può avere delle remore, poi magari sbaglio, am se lo faccio, esci di prigione, non mori. Meglio sbagliare adesso che poi!
Oltretutto già la volta scorsa abbiamo ucciso Antares ingiustamente, quindi voglio rifletterci di più!

Voto: Shura!
Shura di Capricorn

Doa è stato coinciso e a suo modo mi a convinto.
Antares invece no: non è da lui omettere la faccenda della Cuspide che può colpire tanti nemici assieme. Poi falciare si attaglia di più a un'arma da taglio, ne convengo, però in quella scena che Ale ha opportunamente postato i tre Renegades vengono a loro modo falciati.
Voto Antares.
saga rules!!!

bene bene, vedo che siete andati avanti.

canadian Doa
yati   shura
flare   antares
aldebaran    shura
violet    antares
ale    doa
sion    shura
shura    antares

ballottaggio combattuto: shura ed antares a 3 e doa a2.
forza che mancano 10 voti, può ancora succedere di tutto.
Aldebaran

sion Shura
aldebaran Shura
yati Shura
canadian Doa
flare Antares
violet Antares
aiolos
antares
asher  
ale  Doa
doa  
lampo
saintsaga
shura Antares
marion
phoenix no ikki
Last :arrow:Shura

4 Shura, 3 Antares, 2 Doa
       ICavalieriDelloZodiaco.net Forum Index -> Giochi & Tornei Page 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Next
Page 1 of 8
Create your own free forum | Buy a domain to use with your forum