Archive for ICavalieriDelloZodiaco.net Il forum dedicato al mondo leggendario de I Cavalieri dello Zodiaco e a tutti gli spin-off del marchio Saint Seiya
 


       ICavalieriDelloZodiaco.net Forum Index -> Il mondo dei Cavalieri
Shiryu

I mille aspetti di un personaggio

Argomento toccato tangenzialmente nel torneo: quali sono gli aspetti che vi interessano maggiormente in un personaggio? Cosa è importante per farvelo piacere, e di cosa invece non vi importa nulla?

Massimo tre opzioni di voto  
Scorpione

Argomento ampio e sicuramente non semplice o immediato da snocciolare. L’interesse di un personaggio non dipende soltanto da parametri o caratteristiche oggettive, ma anche dal costesto in cui e’ inserito, dal momento personale / maturita’  in cui si conosce il personaggio. In fondo siamo esseri volubili e cambiamo gusti in base all’eta’, all’esperienza o semplicemente in base a quello che cerchiamo o vediamo in una determinata fase della nostra vita. Oltre a questo, ci sono altri fattori da tenere in considerazione, quale l’interazione del personaggio con altri personaggi, il contesto storico e culturale in cui e’ inserito e quello del lettore / spettatore. Non facile, ma ci provo.

L'aspetto suo e dell'armatura: aspetto marginale, non essenziale per farmi piacere un personaggio. Ovvio che di primo impatto e’ quello da cui si viene colpiti subito, ma e’ anche quello che scema via velocemente se non si ha interesse nel personaggio.

La personalità e caratterizzazione: questo e’ sicuramente un punto importante. Il personaggio deve avere una personalita’ chiara e ben delineata, e non vaga o poco definita con troppe sfumature contradditorie. A questo si aggiunge la caratterizzazione coerente nel tempo del personaggio con la sua evoluzione, storia  e maturita’.

La forza e i colpi segreti: per questo aspetto mi ricollego parzialmente a quanto scritto nel primo punto. E’ sicuramente un aspetto importante che colpisce subito. Se potessi scegliere, pero’, mi piacerebbe vedere il personaggio crescere in forza ed aumentare il suo parco tecnico nel suo arco narrativo, piuttosto che avere un personaggio gia’ forte e potente che rimane stabile in quanto “arrivato”. Questo aspetto colpisce all’inizio, ma poi rende il personaggio poco interessante o noioso.

La storia personale / background: fattore importantissimo. Forse e’ per questo motivo che sono particolarmente legato ai personaggi Asgardiani. Ne conosciamo la storia, quindi abbiamo le basi per poter comprendere e capire perche’ tale personaggio ha avuto un certo tipo di maturazione o ha preso determinate decisioni. A questo punto aggiungere la psicologia del personaggio sviluppata in base al suo background.

L'originalità: fattore cosi e cosi. Originale non e’ sinonimo di migliore. Mi piacciono anche personaggi dal tratto classico ma con una o due caratteristiche nuove /originali, piuttosto che un personaggio completamente origininale.

La voce: non e’ un fattore importante.

Un arco narrativo personale: dipende se il personaggio in questione e’ protagonista o meno di una storia. Se c’e’ anche un arco narrativo personale, ben venga. Pero’ e’ anche vero che preferisco vedere svolgersi un arco narrativo personale (conseguenza) di un personaggio che mi piace piuttosto che piacermi un personaggio perche’ ha avuto un arco narrativo personale (causa).

Il nemico che affronta: la caratterizzazione e forza di un nemico mette in risalto il personaggio stesso. Il villain o antieroe di solito e’ caratterizzato come o meglio dell’eroe con lo scopo di risaltare quest’ultimo.In teoria, si’, e’ un elemento  importnate ma non fondamentale, percio’ non lo includo in questo sondaggio.

L'attinenza con la mitologia: assolutamente non importante.

Altro, da indicare in topic: in questo punto includo il mio breve preambolo all’inizio, in particolare l’interazione con gli altri personaggi e col contesto in cui e’ inserito. Forse e’ per questo che personaggi acclamati come Ikki non mi hanno mai particolarmente entusiasmato. Devo vedere anche l’interazione del personaggio con gli altri, non sbucar fuori ogni tanto.

In conclusione quindi voto per personalità e caratterizzazione, storia personale / background ed altro.

Nota: non ho votato perche' mi permette una sola opzione.
Suikyo

In Saint Seiya 3 cose mi interessano principalmente in un pg:

- La personalità e caratterizzazione, cioè come si comporta è come viene caratterizzato.

- Originalità, un personaggio originale, ha un punto a suo favore rispetto ad un personaggio non originale o poco originale, assolutamente. Pultroppo l'originalità attualmente è una mercanzia rara in saint seiya, dove nei vari spin-off ci sono tutto fuorchè pg originali, tranne qualche raro pg che fà eccezione.

- L'aspetto suo e dell'armatura, preciso che non mi importa sè il pg ha un viso brutto o bello, però mi interessa molto la sua armatura, più è articolata è bella, meglio è.

* Poi c'è un 4° fattore che mi interessa, meno importante dei primi 3, che sono i colpi segreti, non tanto come tecniche in sè, ma come vengono realizzati, più fantasiosi sono, meglio è. La potenza della tecnica in sè, non mi interessa, preferisco la fantasia. Per esempio preferisco un fantasioso Gosth Million Attak ad un poco fantasioso Zodiac Clamation.

Tutti gl'altri fattori sono marginali.

Quindi: Personalità/Caratterizzazione, Originalità, Armatura.
Aledileo

Beh, diciamo che molti di questi aspetti si intrecciano nella creazione di un personaggio. Come insegnano ai corsi di scrittura, tutto ormai è già stato inventato, per cui è praticamente impossibile essere originali (a meno di non scadere in bizzarrie o di essere dei geni), per cui personalmente preferisco una solida caratterizzazione che definisca bene un personaggio. L'aspetto fisico, in questo caso anche l'armatura, è secondario, al massimo è un bonus o un malus ma di per sé non è sufficiente a farmi piacere un personaggio.
Per cui al primo posto c'è sicuramente:    La personalità e caratterizzazione
seguito da
  La storia personale / background
secondari
L'aspetto suo e dell'armatura
  i colpi segreti
(la forza è decisamente non-interessante né influente, ma il tipo di potere sì. Ad esempio mi piacciono i personaggi che usano fuoco, ghiaccio e luce).

Tutto il resto è terziario.
Cangax

Aspetto e armatura (vedi es. Seryan, Abadir, o Megres), la personalità e caratterizzazione (Dragone, Kanon, Phoneix, Mur, Megres), il proprio passato (tutti gli asgardiani, Abadir, i PG principali).

Alcuni personaggi come Yuna hanno una buona caratterizzazione ma un passato scialbo e un disegno orrido. Comunque avendo 2 su 3 di queste caratteristiche (es. Abadir o Orion) servono a farmeli entrare in simpatia. Averle tutte e 3 (Megres, Dragone, Mur) me li fà amare alla follia!
Ioria79

1) La personalità e caratterizzazione
2) La forza e i colpi segreti
3) La storia personale / background
BuRn!

- L'aspetto e l'armatura: ho sempre guardato la parte estetica di un cavaliere, basta dire che adoro l'armatura di Cancer, nonostante sia uno dei più scarsi  

- La forza e i colpi segreti: Bè più che normale no? Insomma, più un cavaliere è forte e più piace (la maggior parte delle volte)! Anche il nome dei colpi segreti (in italiano) contribuisce ovviamente

- La personalità e caratterizzazione: Altro punto importante per apprezzare un cavaliere...

Per quanto riguarda gli aspetti poco interessanti, metterei "L'attinenza con la mitologia" e "Il nemico che affronta"    

Ps. Come Scorpione, nemmeno io ho votato
Lampo del Drago

1-Un arco narrativo personale, perché mi importa molto di quello che un personaggio fa.
2-Una buona caratterizzazione (di pochissimo sotto), perché mi importa molto di quello che un personaggio è. Ovviamente da quello che fa si dovrebbe capire anche quello che è
3-La storia e il background, che sono molto legati al punto 2.

...


7-L'attinenza con la mitologia, perché può essere interessante in ogni caso.
8-Il nemico che affronta, anche se posso capire che abbia il suo valore.
9-La voce (anche perché spesso rimangono solo su carta)
Antares

1) La personalità e caratterizzazione
2) La personalità e caratterizzazione
3) La personalità e caratterizzazione


A parte gli scherzi, è la cosa più importante con svariate miglia di distanza dal resto. Con caratterizzazione non intendo tanto (o non esclusivamente) una caratterizzazione più approfondita o sfaccettata (perché quello è un fattore abbastanza oggettivo e finiremmo per apprezzare tutti gli stessi personaggi, come i protagonisti, Ioria in EG, Sonia, ecc...), quanto una caratterizzazione che "mi prende" di più, come nel caso di Scorpio, Alcor, Luxor, o anche, per citare un personaggio minore, Asher, che di certo non è approfondito o altro, ma per quel poco che vediamo mi rimane molto simpatico. Potendo scegliere più di un'opzione, aggiungerei la storia personale/background, che di fatto è un'aggiunta alla caratterizzazione e ci spiega perché quel personaggio è così. Non è indispensabile, ma se c'è, come nel caso degli Asgardiani, è di certo molto apprezzata.

Molto distaccati direi colpi segreti, armatura ed eventuale voce italiana. Nel senso che se un personaggio già mi piace e apprezzo anche questi elementi, ben venga. Se il personaggio mi piace e questi elementi no, peccato, ma il personaggio mi piace lo stesso. Se il personaggio non mi piace e questi elementi sì, vorrà dire che lui non è proprio da buttare via, ma comunque non costituiscono un fattore determinante per le mie preferenze.

Riguardo l'arco narrativo personale, quoto Scorpione
Scorpione wrote:
Pero’ e’ anche vero che preferisco vedere svolgersi un arco narrativo personale (conseguenza) di un personaggio che mi piace piuttosto che piacermi un personaggio perche’ ha avuto un arco narrativo personale (causa).


Il resto mi interessa veramente poco.
Lampo del Drago

Eh, ma quindi un personaggio ti piace SE ha avuto un (bell') arco personale, dunque è un elemento importante.
Il ragionamento è "causa" --> mi piace questo personaggio. Sostituisci a "causa" una delle risposte da votare e hai le tue opzioni preferite
Antares

Uhm, no, cioè un personaggio mi piace indipendentemente da quello. Poi se ha anche un (bell') arco personale tanto meglio, ma per me non è indispensabile
Goldsaint85

non me ne frena niente dell'aspetto, a meno che non si trascenda in cose fuori dall ordinario alla zellos o alla icchi

mi importa del background e della personalità
demetrios, per dire, dura 2 puntate, ma riassume tutto quel che c è da vedere di un personaggio

anche la forza e le tecniche, ovviamente, fanno la loro parte, più che mai in saint seiya
Libra

Personalità e caratterizzazione sono sicuramente al primo posto, legate a doppio filo al background, importante perché consente di caratterizzarne ulteriormente la personalità.

Il terzo voto l'ho assegnato all'aspetto fisico (comprensivo di armatura), perché, esattamente come quando si conosce una persona dal vivo, quello è il primo biglietto di presentazione e già può far scattare un pre-giudizio, positivo o negativo, talvolta difficile da scalzare e che può suscitare empatia o antipatia.

Se avessi potuto assegnare un quarto voto, l'avrei dato ai colpi segreti, perché: a) sono fighi; b) per un guerriero non sono mai elementi secondari, ma il proprio strumento di sopravvivenza.

Sull'arco personale, invece, condivido il ragionamento proposto da Scorpione
Cavaliere di Gemini

Tutti punti che hanno un certo peso, benché diverso da opzione a opzione naturalmente.

Originalità, colpi e forza, nemici affrontati sono i punti che meno pesano sul profilo di un personaggio:
-l'originalità non è garanzia di successo,
-i colpi segreti sono un di più, ma non decidono più di tanto. Più che alle conseguenze visive dovute ad un colpo segreto (lampi, sfere d'energia ecc...) , do maggior peso al modo con cui le tecniche vengono lanciate (per esempio, le pose del Sacro Aquarius o del Rozan Sho Ten Ha canalizzato nella spada sono molto belle, la posa, invece, che Orion assume durante gli Occhi del drago non mi piace proprio, ma non per questo non mi piace il personaggio naturalmente),
-forza: tutti vorrebbero che i propri beniamini fossero i personaggi più forti, ma la forza è solo un di più. Una cosa, però, a cui mi piace credere è che nel cosmo non esistano dei "moduli di forza prestampati" per ogni costellazione. Mi spiego: se uno nasce Gemelli, Leone o Vergine può anche ritrovarsi in una generazione dov'è meno capace di un Cancro o di un Pesci. O nei millenni sarà capitato almeno una volta che un bronzino di Pegaso sia stato meno capace di un Unicorno? Perché no?
-nemici affrontati: zero.

Un po' più importanti sono l'attinenza con la mitologia e la voce:
-mitologia: perché no.
-voce: sarà, ma una voce azzeccata (es. Ballerio o Calindri) è un bel plus.

Veniamo ai punti cruciali:

-aspetto e armatura: se l'aspetto conta poco (a meno che non si stia parlando di Zellos o Marchino), conta molto l'Armatura. Non tanto la foggia o le decorazioni sulle placche, quanto l'aspetto che essa ha su chi la indossa. L'Armatura per me deve dare l'impressione di essere "presente" sulla scena, con la sua metallicità e la sua meccanicità. Non solo deve avere un senso pratico, protettivo ed anche estetico (es. le Surplici sono fatte anche per intimorire), ma deve anche apparire tale...
...una vocina sussurra: "tutine" di Omega.
Mettiamola così: le tutine le accetto e comprendo la svolta "leggera" di un'opera moderna, ma io ho sempre amato spade, lance, armature, corazze e soldatini, quindi preferisco quelle armature che mostrano una certa "presenza", un certo spessore e una certa funzionalità, nell'accezione più pratica e materiale del termine.

-storia personale e arco narrativo le metto insieme per un motivo: il background dà una base, un punto di partenza. L'arco narrativo ne è l'evoluzione. Se un personaggio parte bene può avere un'evoluzione non all'altezza, mentre chi parte con una marcia in meno può recuperare superando di continuo se stesso. Il personaggio e la sua caratterizzazione, la sua capacità di affrontare il mondo che lo circonda, sono più importanti del mondo stesso, perché a parità di situazione il fattore discriminante è proprio l'atteggiamento che si assume per affrontarla. Per esempio, le 12 Case le hanno vissute tutti e 5 i protagonisti, ma ognuno in modo diverso, mantenendo come unico denominatore comune il senso d'amicizia e altruismo che li teneva legati.

Ciò detto, è naturale che voti per "personalità e caratterizzazione", con diverse spanne di vantaggio sugli altri punti. Voto, poi, "arco narrativo" (ma, come detto, nel discorso ricade anche il background) e poi voto per "aspetto e armatura" (o meglio, solo per l'armatura, per via del discorso che ho fatto).

-Cavaliere di Gemini-
       ICavalieriDelloZodiaco.net Forum Index -> Il mondo dei Cavalieri
Page 1 of 1
Create your own free forum | Buy a domain to use with your forum