Archive for ICavalieriDelloZodiaco.net Il forum dedicato al mondo leggendario de I Cavalieri dello Zodiaco e a tutti gli spin-off del marchio Saint Seiya
 


       ICavalieriDelloZodiaco.net Forum Index -> Saint Seiya Omega e Soul of Gold
Lampo del Drago

Pegaso, Apsû e l'astronomia mesopotamica

[Mentre seguivo una noiosa conferenza, la professoressa ha citato una iscrizione reale che mi ha fatto drizzare le orecchie, e che mi ha spinto a scrivere quanto di seguito]



Molti di voi hanno visto come, nelle ultime puntate della serie Saint Seiya Omega, sia apparso un po' all'improvviso un dio il cui nome viene reso dai doppiatori come "Apsu".
Questo "Apsu" è una divinità mesopotamica un po' misteriosa, nel senso che corrisponde più ad una entità che ad un dio antropomorfo vero e proprio. Il suo nome babilonese, Apsû, deriva dalla denominazione sumerica, Abzu, solitamente scritta ZU:AB*, ossia così:


Scrittura più antica:


L'Apsû era, dunque, maggiormente associabile ad un luogo, in particolare al mare di acqua dolce situato sotto il terreno da cui nascevano fiumi e laghi. Nell'Apsû vivevano il dio Enki (bab. Ea), protettore della saggezza e delle stesse acque dolci, sua moglie Damgalnuna (bab. Damkina) e sua madre Nammu (o Namma), oltre a varie creaturine minori. Essi vivevano nell'Apsû già prima che Enki/Ea creasse il genere umano.

Nella seguente immagine potete vedere in una impressione di sigillo il dio Enki/Ea (intento a ricevere un'altra divinità fuori scena) circondato proprio dall'Apsû


Nell'epica babilonese "Enuma Eliš" Apsû è una creatura primordiale, amante della dea Tiāmat, che rappresenta le acque salate. La loro unione dà vita agli dei antichi, tra cui Anu (dio del cielo), Ea (dio delle acque dolci, della saggezza e della magia) ed Enlil (dio del vento)**. Nel racconto Apsû viene ucciso da Ea, che poi costruisce la sua residenza sul suo corpo. Successivamente il giovane dio Marduk (dio della magia) ucciderà Tiāmat dividendola a metà, si insedierà come divinità principale del pantheon e con il corpo della defunta dea formerà il cielo e le acque di superficie.



Apsû si dimostra legato a Pegaso in una iscrizione neoassira del re Esarhaddon (re dal 681 al 669 aC), in particolare Esarhaddon 104, la quale, alla colonna 3, linee 47-52, recita:

"é-sag-gíl É.GAL DINGIR.MEŠ
ma-aţ-lat ZU:AB tam-šil
é-šár-ra me-eh-ret
šu-bat d.é-a tam-šil
MUL.AŠ.IKU ar-şip
ú-šak-lil-ma"

ossia:
"L'Esagila, palazzo dei grandi dei, replica dell'Apsû, immagine dell'Ešarra, replica del seggio di Ea, immagine del Pegasus, ho costruito e portato a termine."

Pegaso, una costellazione molto importante all'epoca, ma che ovviamente non aveva lo stesso nome, è indicato dal termine sumerico MUL.AŠ.IKU, in cui il segno MUL è un determinativo utilizzato per i sostantivi indicanti stelle, costellazioni o altri oggetti celesti***.



Per ora mi limiterò a dirvi qualcosa sui principali segni dello zodiaco babilonese, che sono successivamente entrati nello zodiaco "comune"; più avanti magari vi parlerò della nascita di questo zodiaco e del nome e della posizione delle altre costellazioni.

I segni zodiacali babilonesi del periodo intorno al 600 aC erano in numero variabile tra 12 e 18; la codificazione a 12 costellazioni divenne ufficiale e diffusa solo intorno al 400 aC, sebbene le costellazioni fossero note fin dal III millennio.
Le 18 costellazioni dello zodiaco del 600 aC erano, in ordine e con nomi moderni: Ariete, Pleiadi, Toro, Orione, Perseo, Auriga, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario, Pegaso, Pesci, Pesci sud-ovest, Pesci nord-est.

Limitandoci ai segni ancora attuali:
-L'Ariete era detto in sumerico MUL.LÚ.HUĜ.ĜÁ, bab. agru, ossia "operaio salariato". Il passaggio al significato "ariete" probabilmente deriva da un errore scribale: il segno LÚ (=uomo) era stato scritto con l'omofono LU (=pecora)****. Successivamente la costellazione è stata identificata, dunque, con Tammuz/Dumuzi, il dio pastore.

-Il Toro era detto in sumerico MUL.GU4.AN.NA, bab. is le, ossia "toro del cielo" e "mascella del toro". Era identificato anche con le Iadi, sorelle delle vicine Pleiadi, definite in sumerico MUL.MUL ("stelle") e in accadico zappu ("criniera").

-I Gemelli non sono, ovviamente, Castore e Polluce, ma gli dei Maslamtaea e Lugalgirra (oppure Nabû e Nergal), indicati col nome sumerico MUL.MAŠ.TAB.BA, bab. māšū, per l'appunto "gemelli".

-Il Cancro era indicato con MUL.AL.LUL, bab. alluttu, che significa "granchio". Era legato ad An/Anu, il dio del cielo.

-Anche il Leone era già definito come MUL.UR.GU.LA, ossia "leone".

-La Vergine era chiamata MUL.AB.SÍN, "solco", il che riprende la sua rappresentazione come contadina che raccoglie il grano.

-La Bilancia era già chiamata MUL.ĜIŠ.ERÉN ("bilancia"), reso col babilonese zibānītu, che indica una bilancia a due braccia.

-Lo Scorpione, sumerico MUL.GÍR.TAB e babilonese zuqaqīpu (entrambi "scorpione"), era una figura positiva, simbolo di fertilità.

-Il Sagittario era la divinità sumerica Pabilsag, e infatti era indicato come MUL.PA.BIL.SAG. Successivamente è stato identificato con Chirone, o con un arciere in generale, anche perché il dio Pabilsag, di cui non si sa molto, era associato al dio Ninurta, una divinità guerriera.

-Il Capricorno è indicato con una parola sumerica, MUL.SUHUR.MAŠ, presa in prestito dal babilonese suhurmaššû, che indica un pesce-capra.

-L'Acquario indicava il dio Enki/Ea di cui si è già parlato, e la costellazione era definita come MUL.GU.LA, "il grande (uomo)"; essendo Enki il dio delle acque dolci, l'associazione con un portatore d'acqua è giustificata.

-I Pesci, infine, erano detti KUN.MEŠ, bab. zibbatu, ossia "code". Originariamente la costellazione non era associata ad animali acquatici, bensì ad una rondine, e la sua particolare conformazione fa sì che quello che noi attualmente chiamiamo "Pesci" sia l'unione delle code della rondine e dei pesci, rispettivamente Pisces meridionalis e Pisces septentrionalis.




*: i due punti indicano che i segni vanno letti in senso opposto.
**: questa teogonia è solo una delle tante.
***: magari un giorno vi insegno anche il sumerico.
****: in sumerico ogni segno ha più letture e ogni suono può essere rappresentato da più segni, dunque il suono /lu/ può essere indicato dal segno LU e da altri omofoni, indicati come LÚ, LÙ, LU4, LU5....
Shiryu

Interessante questa cosa, chissà se è una coincidenza il legame tra Abzu e Pegasus nella serie...
Canc-Carlo

Interessante....

Apsu era dunque l'abisso primordie, il mare primordiale...  
Il Caos si puó dire!
Er Pecora

Sempre pregiato Lampo: interessantissimo post.
Posso chiedere maggiori delucidazioni su cosa significasse, in quell'epoca, essere un "operaio salariato"? Mi incuriosisce molto il fatto che una costellazione porti un nome così specifico.
Lampo del Drago

Ecco, almeno qualcuno che mi dà soddisfazione    

Onestamente penso di no, ma se interessa (e ho tempo) provo a cercare qualche altra cosa sulla costellazione di Pegaso.
Lampo del Drago

Canc-Carlo wrote:
Interessante....

Apsu era dunque l'abisso primordie, il mare primordiale...  
Il Caos si puó dire!


In realtà no, Abzu rappresentava le acque dolci, quindi, in un certo senso, era una entità positiva. Dalla sua unione con le acque salate (Tiamat) si generarono tutte le altre divinità, ma all'epoca il caos primordiale era già stato superato, e terra e cielo erano stati divisi.
Il mondo dei morti si trovava sottoterra,  ad un livello più basso rispetto all'Abzu.


Er Pecora wrote:

Sempre pregiato Lampo: interessantissimo post.
Posso chiedere maggiori delucidazioni su cosa significasse, in quell'epoca, essere un "operaio salariato"? Mi incuriosisce molto il fatto che una costellazione porti un nome così specifico.


In sostanza gli uomini liberi lavoravano per un tot di giorni al mese per lo stato (obbligatoriamente) e ricevevano un "salario", consistente in pane e birra.
Ora che ci penso, il simbolo per "pane" è il successivo, e la sua forma triangolare ricorda molto la costellazione dell'Ariete... mmm...


(è quello in basso al centro, che sembra una scodella)
Aiolos87

Interessantissimo approfondimento  Lampo  
Orion1985

Interessante..
elisa

Molto interessante.  
Kiradiscilla

WOW!

grande contributo Lampo!  
Gemini no Aoryu

Bravissimo Lampozzo, un post davvero molto interessante
Verseau88

Wow Lampo, davvero interessante.  
Phoenix no Ikki

dubito possa esserci un legame tra l'Omega e l'esposizione di Lampo...

in quest'ultima Apsu ha un'accezione positiva, in Omega è rappresentato come il male assoluto o quasi.




PS e un bentornata a Er Pecora!!      
Antares

Molto interessante quanto esposto da Lampo ^^

Per capire se l'associazione tra Abzu e Pegasus sia voluta o meno, bisognerebbe vedere quanto effettivamente è noto il passo riportato e se ve ne sono magari di altri.
Chaos

Questo si che è un approfondimento  

Bravo Lampo, tutto estremamente interessante, puoi darci qualche dritta in più sullo zodiaco babilonese?

Con epica babilonese ti riferisci solo alla saga di Gilghamesh o ci sono altre opere giunte fino a noi?
Lampo del Drago

Se volete posso provare a cercare altre cose sullo zodiaco, è che non è facile trovare informazioni chiare ed interessanti "per noi".

Con "epica babilonese" intendo tutto l'apparato letterario che comprende miti/religione e gesta eroiche (come la saga di Gilgamesh).
       ICavalieriDelloZodiaco.net Forum Index -> Saint Seiya Omega e Soul of Gold
Page 1 of 1
Create your own free forum | Buy a domain to use with your forum