Archive for ICavalieriDelloZodiaco.net Il forum dedicato al mondo leggendario de I Cavalieri dello Zodiaco e a tutti gli spin-off del marchio Saint Seiya
 


       ICavalieriDelloZodiaco.net Forum Index -> Off topic
Cavaliere di Gemini

Scoperte, invenzioni e progresso

Prendendo spunto da un discorso in topic seri vi chiedo: quali sono le più grandi scoperte/invenzioni che hanno segnato il progresso dell'umanità?

Alcune di esse vengono naturali: l'uso della corrente elettrica, l'uso dei combustibili fossili, le fonti di energia rinnovabili, internet e così via...
Altre magari potrebbero risultare meno altisonanti e importanti, probabilmente perchè sono state acquisite dall'umanità in tempi molto più antichi e quindi, a volte, non le riteniamo nemmeno delle "scoperte" o delle "rivoluzioni" tecnologiche e sociali: la scrittura, l'agricoltura, la ruota, le strade, la lavorazione dei metalli ecc...

Certo, paragonare internet all'agricoltura può sembrare infantile, eppure quest'ultima è stata la risposta ad un'esigenza umana millenni prima del pc o del web.

Esistono, poi, cose di cui potremmo farne a meno o sforzi tecnologici che invece potrebbero essere sfruttati per fini diversi e probabilmente più utili?

Il discorso potrebbe dividersi in due canali: uno scientifico/tecnologico, l'altro sociologico/filosofico: vi lascio la parola con una frase di Nikola Tesla che, forse, li mette insieme entrambi:
"La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità."

A voi

-Cavaliere di Gemini-
Lampo del Drago

Per "più importanti" credo si possa intendere "più decisive" o comunque più influenti a larga scala. Va da sé che la maggior parte delle scoperte più importanti sono state fatte in antichità, costituendo proprio le basi da cui poi sarebbe nato tutto il resto.

Per me:
-fuoco: la gestione e il controllo di questo fenomeno naturale hanno avuto innumerevoli ricadute sulla vita antica e moderna. Questa scoperta è talmente importante che è praticamente l'unico caso in cui la cultura ha influenzato la natura (l'altro è la postura eretta), ed infatti con l'ammorbidimento della carne dovuto alla cottura, ormai i denti del giudizio stanno sparendo in tutti. L'uomo si è evoluto fisicamente a causa di una sua scoperta. Pensate un po'.
-Agricoltura: passo fondamentale del progresso di ogni civiltà. I popoli che non praticano l'agricoltura sono sentiti (e in qualche modo lo sono davvero) come meno evoluti, in quanto non indipendenti. Solo una volta scoperta l'agricoltura (e la pastorizia stanziale) l'uomo ha cominciato a costruire le città, perché solo l'autosufficienza alimentare consente alla società di dedicare le proprie forze ad altre attività. Se c'è cibo sufficiente per tutta la comunità, e non è questione giornaliera di vita o di morte procurare qualcosa da mangiare, allora qualcuno può dedicarsi alla costruzione di oggetti, all'amministrazione del culto, alla filosofia, all'arte ecc ecc.
-Elettricità: anche qui, la capacità di utilizzare l'energia elettrica per i più disparati usi è ormai alla base della nostra civiltà. Provate a pensare quante cose ci circondano che NON usano elettricità e la cui produzione NON ha richiesto elettricità. Praticamente nulla. Se oggi venisse emesso un EMP (impulso elettro-magnetico in grado di bloccare l'elettricità per un po') la nostra civiltà tornerebbe al livello del 5000 a.C. Tra l'altro, forse sarebbe il caso di pensare di imparare a saper fare qualcosa senza elettricità
-Scrittura: ultima perché è la mia preferita. Come le precedenti, la scrittura è una scoperta che favorisce altre scoperte, perché consente di bloccare la conoscenza già acquisita, così che le future generazioni non debbano ricominciare ad imparare tutto dall'inizio, ma possano basarsi su quello che si è già scoperto. Questo consente inoltre a diverse conoscenze di sopravvivere al loro portatore, e se un cuoco non trova un apprendista, ma lascia le ricette in un libro, quelle ricette potranno essere utilizzate anche 2000 anni dopo la sua morte. È un concetto eccezionale secondo me.

Bonus: internet. Probabilmente è un po' presto per dirlo, ma a giudicare da come ha cambiato la società nel giro di 25 anni, se il trend continua è possibile che la sua invenzione (o introduzione su larga scala) potrà essere considerata come un vero punto di svolta. Cioè, indubbiamente "la barca" ha portato più conseguenze di internet, ma le applicazioni della barca sono più limitate e riguardano in prima persona un pubblico molto minore.
Cavaliere di Gemini

Ottima argomentazione!

Lampo del Drago wrote:
Tra l'altro, forse sarebbe il caso di pensare di imparare a saper fare qualcosa senza elettricità


Direi, più che altro, imparare a generare elettricità con metodi non convenzionali, evitando di continuare ad abusare dei metodi inquinanti

Conosci la vicenda della pila di Baghdad?

-Cavaliere di Gemini-
Lampo del Drago

Sono andato a rileggerla, e mi sembra comunque una cavolata
Cavaliere di Gemini

Lampo del Drago wrote:
Sono andato a rileggerla, e mi sembra comunque una cavolata


Non so se sia una cosa attendibile, eppure la cosa più interessante potrebbe essere (condizionale d'obbligo) che i Parti si avvicinarono involontariamente a quella che poteva essere una cella galvanica. Che tale pila producesse luce come una lampadina lo vedo improbabile: non ci sono fili conduttori esterni e il tutto è "tappato" da uno strato di asfalto che è isolante!

L'imbrigliamento dell'energia è stato forse il più grande balzo in avanti fatto dall'uomo, dal punto di vista tecnologico: dal semplice mulino ad acqua, all'energy harvesting ne sono passati di secoli. E paradossalmente, più energia si produce e più energia serve: l'energia genera vita migliore e quindi più popolazione...e quindi più bisogno di energia. Solo oggi si scopre che l'energia non è fruibile all'infinito con i moderni metodi di generazione...curioso: la generazione dell'energia è efficace ma sempre meno efficiente.
Cosa diversa per le scoperte "non tecnologiche", umanistiche: le lingue, le leggi, la filosofia non hanno mai avuto bisogno di nulla per sopravvivere (a parte quel poco di energia che serve magari per stampare un libro o un saggio) e sono sempre efficaci e in un certo senso efficienti.
Ci sono poi quelle innovazioni a metà tra l'essere scientifiche e umanistiche, come l'agricoltura: come dici è nata generando uno scopo sociale molto importante come stanziarsi, unirsi in centri abitati permanenti dove risiedere, sviluppare forme organizzative e sociali ecc...

E poi ovviamente non dimentichiamo la medicina!

-Cavaliere di Gemini-
Davide Aldè

Lampo del Drago wrote:
Per "più importanti" credo si possa intendere "più decisive" o comunque più influenti a larga scala. Va da sé che la maggior parte delle scoperte più importanti sono state fatte in antichità, costituendo proprio le basi da cui poi sarebbe nato tutto il resto.

Per me:
-fuoco: la gestione e il controllo di questo fenomeno naturale hanno avuto innumerevoli ricadute sulla vita antica e moderna. Questa scoperta è talmente importante che è praticamente l'unico caso in cui la cultura ha influenzato la natura (l'altro è la postura eretta), ed infatti con l'ammorbidimento della carne dovuto alla cottura, ormai i denti del giudizio stanno sparendo in tutti. L'uomo si è evoluto fisicamente a causa di una sua scoperta. Pensate un po'.
-Agricoltura: passo fondamentale del progresso di ogni civiltà. I popoli che non praticano l'agricoltura sono sentiti (e in qualche modo lo sono davvero) come meno evoluti, in quanto non indipendenti. Solo una volta scoperta l'agricoltura (e la pastorizia stanziale) l'uomo ha cominciato a costruire le città, perché solo l'autosufficienza alimentare consente alla società di dedicare le proprie forze ad altre attività. Se c'è cibo sufficiente per tutta la comunità, e non è questione giornaliera di vita o di morte procurare qualcosa da mangiare, allora qualcuno può dedicarsi alla costruzione di oggetti, all'amministrazione del culto, alla filosofia, all'arte ecc ecc.
-Elettricità: anche qui, la capacità di utilizzare l'energia elettrica per i più disparati usi è ormai alla base della nostra civiltà. Provate a pensare quante cose ci circondano che NON usano elettricità e la cui produzione NON ha richiesto elettricità. Praticamente nulla. Se oggi venisse emesso un EMP (impulso elettro-magnetico in grado di bloccare l'elettricità per un po') la nostra civiltà tornerebbe al livello del 5000 a.C. Tra l'altro, forse sarebbe il caso di pensare di imparare a saper fare qualcosa senza elettricità
-Scrittura: ultima perché è la mia preferita. Come le precedenti, la scrittura è una scoperta che favorisce altre scoperte, perché consente di bloccare la conoscenza già acquisita, così che le future generazioni non debbano ricominciare ad imparare tutto dall'inizio, ma possano basarsi su quello che si è già scoperto. Questo consente inoltre a diverse conoscenze di sopravvivere al loro portatore, e se un cuoco non trova un apprendista, ma lascia le ricette in un libro, quelle ricette potranno essere utilizzate anche 2000 anni dopo la sua morte. È un concetto eccezionale secondo me.

Bonus: internet. Probabilmente è un po' presto per dirlo, ma a giudicare da come ha cambiato la società nel giro di 25 anni, se il trend continua è possibile che la sua invenzione (o introduzione su larga scala) potrà essere considerata come un vero punto di svolta. Cioè, indubbiamente "la barca" ha portato più conseguenze di internet, ma le applicazioni della barca sono più limitate e riguardano in prima persona un pubblico molto minore.


La ruota... no?
       ICavalieriDelloZodiaco.net Forum Index -> Off topic
Page 1 of 1
Create your own free forum | Buy a domain to use with your forum